A- A+
Economia
Pensioni, in arrivo la mazzata dal 2023. Importi inferiori causa riduzione Pil

Pensioni, in arrivo la mazzata dal 2023. Importi inferiori per crollo Pil

Arrivano brutte notizie per i futuri pensionati. A causa del crollo del Pil negli ultimi 5 anni, chi smetterà di lavoare dal 2023 in poi percepirà un assegno ridotto. Lo ha certificato l'Istat, spiegando - si legge sul Sole 24 Ore - che la rivalutazione riferita al 2023 dei montanti contributivi maturati presso l'Inps dovrebbe essere negativa, perchè tale è risultata la media degli ultimi cinque anni del Pil. La riduzione non sarà direttamente applicata alle prestazioni accumulate, ma inciderà sul primo coefficente che andrà in positivo, quello subirà una riduzione dello 0,0215%, previsto per quest'anno.

Scattano così - prosegue il Sole - due campanelli d'allarme. Il primo riguarda la prestazione finale che l'Inps sarà in grado di garantire. Le proiezioni sulle pensioni si calcolano avvalendosi di una crescita media del Pil dell'1,5%, ma questi valori sono ben lontani da quelli registrati negli ultimi anni. Il secondo campanello d'allarme è relativo alla sostenibilità del sistema. Le attuali prestazioni sono corrisposte con il sistema contributivo, ma quando il coefficente di rivalutazione si abbassa, come nel caso degli ultimi anni, il sistema non regge più.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    a quanti anni si va in pensionecontributipensionipilriduzione pil pensioniriforma pensioni
    i più visti

    casa, immobiliare
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.