A- A+
Economia
Pil: Istat, +0,7% nel 2015 e +1,2% nel 2016 +1,3% nel 2017

Inizia la revisione delle stime di crescita del Pil di quest'anno, annunciata a inizio 2015, dai diversi uffici studi che seguono da vicino le vicende contabili del nostro Paese. E così, in attesa di quella di Confindustria e di BankItalia, l'Istat, nelle Prospettive per l'economia italiana nel 2015-2017, ha rivsto al rialzo le previsioni di crescita del nostro Paese, confermando i numeri inseriti da Matteo Renzi (per quest'anno +0,7%) nella nota di aggiornamento al Def. 

L'Istat vede rosa fino al 2017 grazie a un recupero del reddito disponibile, un calo della disoccupazione e - a ruota - una crescita della domanda interna destinata a sostenere consumi e Pil. L'Istituto di statistica ha messo tutto nero su bianco nelle "Prospettiva per l'economia italiana nel 2015-2017" che si aprono con una revisione del Pil per l'anno in corso: la crescita reale attesa passa dallo 0,5% stimato a novembre allo 0,7%. Il Quantitative easing della Bce, poi, potrebbe portare un ulteriore aumento di 0,1 punti percentuali. Un trend che sarà confermato anche dal prossimo biennio: l'economia crescerà dell'1,2% l'anno prossimo e dell'1,3% nel 2017.

Chiari anche i driver della crescita: quest'anno il progresso del Pil sarà sostenuto soprattutto dalla domanda estera (0,4 punti percentuali), mentre nel biennio biennio successivo il rafforzamento ciclico determinerà un apporto crescente della domanda interna (+0,8 e +1,1 punti percentuali) mentre il conseguente aumento delle importazioni favorirà una diminuzione del contributo della domanda estera netta nel 2017. L'Istat si attende anche un aumento della spesa delle famiglie (+0,5%) a seguito del miglioramento del reddito disponibile e scommette sul graduale aumento dell'occupazione che dovrebbe rafforzare i consumi privati (+0,7% l'anno prossimo, +0,9% quello successivo).

Come detto, all'aumento dell'occupazione (+0,6% in termini di unità di lavoro) si accompagnerà una moderata riduzione del tasso di disoccupazione che, nel 2015, si attesterà al 12,5%. Nel 2016, poi, diminuirà al 12% per scendere l'anno dopo all'11,4%. Per tornare sotto il 10%, però - come previsto dal governo -, bisognerà aspettare almeno il 2019. Segnali positivi anche dagli investimenti che torneranno a crescere già da quest'anno (+1,2%) grazie al miglioramento delle condizioni di accesso al credito e delle aspettative associate a una ripresa della dinamica produttiva.

"In prospettiva, l'attenuazione delle spinte deflative esogene, imputabile in via principale al deprezzamento della valuta europea, riporterà l'inflazione su un sentiero positivo". Nella media dell'anno, l'inflazione si attesterà su un valore positivo ma prossimo allo zero (+0,2%). Nel biennio successivo, nel quadro di una netta inversione di segno del contributo della componente esogena e del miglioramento dello scenario macroeconomico interno, riprenderà il processo inflazionistico. In assenza dell'applicazione delle clausole di salvaguardia relative ad accise e aliquote iva, nel 2016 il deflatore della spesa per consumi finali delle famiglie è previsto in media all'1,4%, mentre nel 2017 si attesterà su un valore appena superiore.

A sostenere la ripresa, secondo l'Istat, sarà soprattutto il rafforzamento della crescita dei paesi avanzati che, dalla fine del 2014, si è contrapposto all'indebolimento delle economie emergenti. In particolare, per gli Stati Uniti si ipotizza nel trienni un ritorno ai tassi di espansione economica vicini al 2,8% annuo. Segnali di ripresa anche dall'area euro con l'attività economica che è tornata a crescere dopo due anni di contrazione e grazie - nei primi mesi del 2015 - a fattori esogeni positivi (Quantitative Easing, discesa dei prezzi dei beni energetici, deprezzamento del cambio) che hanno alimentano il miglioramento del clima di fiducia delle famiglie e delle imprese.

In particolare si è arrestata la caduta degli investimenti, che ha caratterizzato la fase recessiva europea, e dall'anno prossimo le infrastrutture dovrebbero beneficiare delle recenti misure di politica economica varate dalla Commissione Europea (Piano Juncker). L'azione di stimolo all'economia della Banca centrale europea, inoltre, dovrebbe permettere il deprezzamento dell'euro nei confronti del dollaro nella seconda parte del 2015: raggiunta la parità, l'Istat si prevede una stabilizzazione nel biennio successivo. Per quanto riguarda il petrolio si attende un graduale aumento delle quotazioni tra il 2016 e 2017.

Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell'1,2% nel 2016 e dell'1,3% nel 2017. E' la stima dell'Istat contenuta nelle Prospettive per l'economia italiana nel 2015-2017. Il governo aveva previsto un +1,4% nel 2016 e +1,5% nel 2017.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
pil
i più visti
in evidenza
E-Distribuzione celebra Dante Il Paradiso sulle cabine elettriche

Corporate - Il giornale delle imprese

E-Distribuzione celebra Dante
Il Paradiso sulle cabine elettriche


casa, immobiliare
motori
Stefano Accorsi porta in pista la nuova Peugeot 908 9X8 Hypercar

Stefano Accorsi porta in pista la nuova Peugeot 908 9X8 Hypercar

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.