A- A+
Economia
Renzi, che fegato... di Sergio Luciano

di Sergio Luciano

Diciamo la verità: stavolta, fra tante consuete sbruffonerie, Matteo Renzi una ne ha fatta che richiedeva fegato, contravvenendo a uno dei tabù storici del nostro Paese e addirittura della nostra mentalità. Ha detto che i magistrati perderanno i 15 giorni di ferie all’anno in più di cui godono rispetto ai comuni mortali. Apriti cielo. Più che il dolor potè il digiuno. Le toghe, ancora esulcerate dalle offese di Berlusconi & C., non fanno in tempo a respirare che adesso, fellone, già le attacca Matteuccio? La verità è che Renzi, oggi non ricattabile  (se avessero potuto, l’avrebbero già impallinato, sia i nemici politici interni ed esterni al Pd che soprattutto gli amici!) da fine animale politico qual è ha percepito che la “pancia” del Paese è tutta stufa dell’autoreferenzialità strafottente e immune da tutto della magistratura. E quindi ha reagito da par suo: regalando al popolo la testa mozzata di un altro tabù violato. E’ solo l’inizio di quella che forse sarà una battaglia renziana lunga e dura. Sulla quale non c’è che da fargli tanti auguri. A meno che il “Rottamattore” non faccia subito una bella marcia indietro, di quelle che iniziano ad accumularsi nel suo breve ma febbrile curriculum da premier. E a meno che non gli arrivi tra capo e collo qualche bell’avviso di garanzia.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
renzi
i più visti
in evidenza
Usa, i Maneskin incantano ancora Show al Saturday Night Live

Il programma più seguito negli States

Usa, i Maneskin incantano ancora
Show al Saturday Night Live


casa, immobiliare
motori
Parte a Empoli Mobilize Share, il nuovo servizio pubblico 100% elettrico

Parte a Empoli Mobilize Share, il nuovo servizio pubblico 100% elettrico

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.