A- A+
Economia
Renzi a gamba tesa sui debiti del CorSera . Così il rottamatore terremota il salotto

di Andrea Deugeni
twitter11
@andreadeugeni

Sull'operazione Rcs-Mondadori "capisco le preoccupazioni del ministro Franceschini. Ma io non mi preoccupo di Mondadori, mi preoccupo di Rcs-Corriere della Sera il cui valore è stato distrutto da scelte discutibili". Ad Antonello Perricone, ex amministratore delegato di Rcs autore dell'azzardata campagna acquisti spagnola con cui il gruppo Rizzoli ha acquistato nel 2007 il gruppo Recoletos, saranno fischiate le orecchie dopo la stoccata che il presidente del Consiglio Matteo Renzi (intervista all'Espresso) ha sferrato al vecchio management della società che edita il CorSera.

A Perricone, ma anche al vecchio gruppo di azionisti di Via Rizzoli capitanati da Luca Cordero di Montezemolo, visto che pare che sia stato l'ex presidente della Fiat a spingere per l'operazione che è stata la causa fondamentale dell’indebitamento del gruppo, pari fino a poco prima della cura Jovane, fatta di pesanti svendite, a quasi 900 milioni di euro e ora di circa 500 milioni (nuovamente in aumento rispetto ai 474,3 milioni di fine 2013).

E' però abbastanza inusuale che il rottamatore per eccellenza recuperi il vecchio vizietto della politica di guardare con interesse e di intervenire a gamba tesa con qualche dichiarazione nella vita dell'ex salotto dei salotti e cioè l'azionariato di Via Solferino. Troppo forte la tentazione di dire la propria e di incidere nei destini del quotidiano più letto in Italia che sta per cambiare anche la direzione dopo il lungo regno di Ferruccio de Bortoli?

Renzi è entrato proprio nel merito della gestione di un gruppo editriale che ancora oggi fatica a risalire la china. Gruppo che ha messo in cantiere un aumento di capitale di 200 milioni (opzione da esercitare entro giugno) e che sta decidendo se accettare l'offerta di Mondadori, azienda controllata dalla famiglia Berlusconi, per la vendita di Rcs Libri. Comunque un asset importante ma la cui vendita, com'è accaduto per il palazzo storico che ospita la sede del Corsera, verrebbe sacrificato sull'altare della ferrea logia della sostenibilità finanziaria del business. Il rottamatore ha già dismesso i panni dell'enfant prodige che vuole rivoluzionare la vecchia politica italiana  e si sta ammalando di potere? Che c'azzecca il più giovane presidente del Consiglio della storia repubblicana con le dinamiche trite e ritrite del vecchio salotto Rcs e delle convergenze fra le diverse anime dei poteri forti? Renzi è diventato già vecchio politicamente prima di invecchiare?

Tags:
renzircsespressocorriere
i più visti
in evidenza
Berardi ciliegina dello scudetto Leao deve 20 mln allo Sporting

Le mosse del Milan campione

Berardi ciliegina dello scudetto
Leao deve 20 mln allo Sporting


casa, immobiliare
motori
Al via le consegne di Alfa Romeo Tonale

Al via le consegne di Alfa Romeo Tonale

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.