A- A+
Economia
samsung lp 500

Massacranti turni di lavoro 15 ore, di cui 10 in piedi anche per 27 giorni di fila. Il governo brasiliano guidato da Dilma Russouff, ex sindacalista, ha citato in tribunale contro il gigante dell'elettronica Samsung, accusata di violare i diritti dei lavoratori impiegati nei propri stabilimenti, soprattutto in quello di Manaus, in Amazzonia, tra i più importanti al mondo. Un danno d'immagine che per gli acerrimi della Apple rischia di costare molti punti nella battaglia con gli iPad del colosso di Cupertino.

Il governo di Brasilia ha deciso di schierarsi in prima persona raccogliendo il malcontento degli operai, denunciando la multinazionale coreana per le cattive condizioni di lavoro.

Brasilia ha chiesto di intervenire con urgenza. E le conseguenze per Samsung potrebber essere non di poco conto: lo stabilimento di Manaus è per la Samsung uno dei più importanti nel mondo. Vengono impiegate seimila persone e si producono articoli che vengono commercializzati in tutta l'America latina, dove i tassi di crescita nei prodotti di largo consumo è tra i più alti a livello globale. Nel solo 2012, sono stati oltre 2mila i dipendenti dello stabilimento che hanno denunciato problemi fisici legati alle condizioni di lavoro

Non è la prima volta che i colossi dell'elettronica hanno problemi in Brasile. L'anno scorso erano stati i 2.500 operai della sede sudamericana di Foxconn a lamentarsi delle proprie condizioni lavorative in fabbrica. Per veder accolte le proprie richieste i rappresentanti dei lavoratori avevano minacciato uno sciopero di massa.

I vertici della Samsung si sono affrettati a far sapere che collaboreranno con il governo. "Già in precedenza abbiamo ricevuto una segnalazione simile - spiegano in una nota - e abbiamo immediatamente condotto una indagine interna e collaborato attivamente con le autorità locali. Siamo da sempre molto attenti alle condizioni di lavoro e al mantenimento di standard di qualità dell'ambiente di lavoro e l'attenzione ai lavoratori è un nostro impegno in tutto il mondo". Rimane il fatto che Samsung è già stata condannata nel 2011 in Brasile al pagamento di una sanzione da 200 mila dollari come risarcimento per il mancato rispetto degli standard minimi di sicurezza sui luoghi di lavoro. L'impressione è che si intervenga solo a fronte di denunce: la società è accusata di sfruttamento del lavoro minorile in Cina e di mancato rispetto delle norme persino in Corea del sud.

 

 
(Articolo in fase di aggiornamento)
Tags:
samsungbrasile

i più visti

casa, immobiliare
motori
Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti

Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.