A- A+
Economia

twitter@paolofiore

Squinzi bifronte. E' passata meno di una settimana da quando il presidente di Confindustria disse che ormai l'Italia "aveva toccato il fondo" e che non restava altro che risalire. Le imprese strangolate e i lavoratori senza stipendio non hanno certo esultato: le parole non bastano. Qualcuno però ha iniziato a credere che la luce in fondo al tunnel già intravista da Monti cominciasse davvero a fare breccia.

I primi a gonfiare il petto sono stati i ministri del governo Letta, cui Squinzi ha concesso ciò che le banche non offrono alle imprese: un'apertura di credito. Sembrava il primo passo verso un percorso comune. Sembrava. Perché Mr Mapei ha cambiato idea. Rispondendo a Fabrizio Saccomanni, accusato di eccessivo ottimismo, ha affermato: "La luce non la vedo ancora". E l'Italia torna nel buio. O, scegliendo un'altra metafora usata e riusata da Squinzi, "resta sul fondo". In cinque giorni i dati non sono certo cambiati: la crescita, minuta, tornerà alla fine del 2013. Il presidente degli industriali, da uomo schietto qual è, a volte eccede in affermazioni da slogan. Peccato che la ripresa non sia un prodotto da vendere: è una scintilla da curare. Per ardere ha bisogno di legna e paglia (tocca al governo procurarla). Ma anche di cautela: il fuoco viene spento dal vento troppo forte, ma s'attizza con un soffio (d'ottimismo).

A curare quella fiammella deve contribuire anche una voce importante come quella di Confindustria. Pungolare il governo è servito. Ora Squinzi alzi lo sguardo, aguzzi la vista e dica una volta per tutte se quella luce in fondo al tunnel è reale. Di quella immaginaria ci ha già parlato Mario Monti.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
squinziconfindustriaripresa
i più visti
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


casa, immobiliare
motori
Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT

Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.