A- A+
Economia
Strategia ingannevole, Nike finisce nei guai. Furia degli investitori

Nike finisce nei guai. Furia degli investitori

Nike finisce nei guai. Il colosso delle sneaker è accusato di aver ingannato gli investitori con una strategia di vendita diretta ai consumatori che, secondo i documenti presentati in tribunale nel distretto dell'Oregon, USA, era inadeguata per garantire una crescita sostenibile dei ricavi. Le figure chiave di questa controversia includono l'amministratore delegato John Donahoe e il direttore finanziario Matt Friend.                           

Secondo quanto riportato da Retail Dive, i due dirigenti avrebbero ripetutamente promosso la solidità di un modello di business e di una strategia digitale che non avrebbero portato a un aumento effettivo dei ricavi, minimizzando al contempo le pressioni finanziarie significative che il gruppo stava affrontando.

LEGGI ANCHE: IA e tecnologia spingono Wall Street. Fari accesi sui dati dell'inflazione

Come riporta Pambianco, la class action, rappresentante gli investitori che hanno comprato azioni Nike dal 19 marzo 2021 al 21 marzo 2024, afferma anche che la compagnia non è stata in grado di difendersi dalle pressioni del settore dopo aver cessato molte delle sue collaborazioni all'ingrosso nel 2020. Successivamente, a seguito di deludenti risultati di vendita, Nike ha rinnovato alcune di queste collaborazioni, ad esempio con Macy’s, Foot Locker e DSW. Inizialmente, la strategia includeva piani di licenziamento e una semplificazione del portfolio prodotti.

Inoltre, la mancanza di innovazione nel prodotto è stata un altro fattore che ha influenzato negativamente il business di Nike.

Per il terzo trimestre dell'anno fiscale 2023-24, nonostante Nike abbia superato le previsioni di Wall Street, il titolo ha subito una perdita significativa nel trading after-hours, calando oltre il 7%. Nel trimestre conclusosi il 29 febbraio, i ricavi sono rimasti pressoché invariati, passando da 12,39 a 12,42 miliardi di dollari, con un calo del 5% dell'utile netto, che è stato di 1,17 miliardi.

I risultati del trimestre riflettono una crescita del 5% in Cina, del 3% in Nord America e un calo del 3% nell'area EMEA. Complessivamente, nei nove mesi, i ricavi sono leggermente aumentati, da 38,4 a 38,75 miliardi di dollari, mentre i profitti sono aumentati del 4%, raggiungendo 4,2 miliardi di dollari.






in evidenza
"Vi racconto tutta la verità...". Angelica Schiatti, Morgan esce allo scoperto

L'artista accusato di revenge porn

"Vi racconto tutta la verità...". Angelica Schiatti, Morgan esce allo scoperto


motori
DOBA: la rivoluzione digitale per prenotare la tua nuova DACIA

DOBA: la rivoluzione digitale per prenotare la tua nuova DACIA

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.