A- A+
Economia
Tesla rimbalza dopo i dati sulle consegne ma è sempre più tallonata dai cinesi

Gli investitori Italiani privilegiano liquidità ed Europa; ma cosa dicono i mercati

Gli investitori continuano a concentrarsi su conti correnti e mercati europei, questo è quanto emerge dall'ultimo "retail investor beat" di eToro - sondaggio condotto su base trimestrale dalla piattaforma di trading e investimento eToro, su un campione di 10.000 investitori retail distribuiti in 13 paesi nel mondo, di cui 1.000 in Italia.

In particolare, i dati mostrano che continua a rimanere alta la percentuale di risparmio ferma sui conti correnti, o equivalenti, degli investitori italiani, con il 56% degli intervistati che dichiara di avere liquidità ferma. In questo momento di precarietà, le preferenze degli investitori si concentrano su aree su cui percepiscono maggiore familiarità. Ciò si traduce in una rotazione dei portafogli verso l’Europa, con il 23% del campione che ritiene il Vecchio Continente il più promettente in termini di performance, rispetto al 17% che predilige, invece, gli Stati Uniti. Tuttavia, per il momento, i mercati stanno mostrando una dinamica opposta.

Molti risparmiatori stanno accumulando denaro. Secondo l'Istat, in Italia il reddito disponibile è aumentato del 3,5%, ma questo incremento non si è tradotto in un aumento significativo dei consumi, cresciuti solo dello 0,5%. Gli italiani preferiscono essere prudenti, portando la propensione al risparmio delle famiglie al 9,5% (+2,6%). In un panorama economico instabile, tra inflazione, crisi economiche e problemi umanitari, il denaro contante è tornato ad essere attraente grazie ai tassi sui conti correnti che non si vedevano da anni. Tuttavia, ogni investimento ha un costo opportunità: il rendimento offerto dal mercato azionario supera decisamente quello di un conto corrente. Dall'ultimo aumento dei tassi da parte della BCE a settembre, un interesse ipotetico del 5,5% sul conto corrente non avrebbe eguagliato il rendimento del FTSE MIB, che ha segnato una differenza di circa 11 punti percentuali in 290 giorni.

Certamente, azioni e denaro sono asset finanziari molto diversi. Il denaro offre stabilità in un mondo in continuo cambiamento, mentre le azioni possono essere instabili. Ma il rischio è parte integrante del processo di investimento: si rinuncia alla stabilità per un potenziale rendimento maggiore nel tempo. Per chi ha decenni davanti a sé, il rischio può essere ancora un'opportunità vantaggiosa.

Ieri, i mercati europei sono scivolati, aumentando il divario di performance tra l'S&P 500 e lo Stoxx 600, a causa di un'inflazione core ancora elevata. Sebbene l'inflazione generale sia scesa al 2,5% annuo dal 2,6% di maggio, l'inflazione core è rimasta stabile al 2,9%, superando le aspettative di un calo al 2,8%. Anche l'inflazione dei servizi resta elevata. Questi dati si aggiungono ai commenti provenienti dal Forum della BCE a Sintra. La presidente della BCE, Christine Lagarde, ha dichiarato che non ci sono ancora prove sufficienti che le minacce inflazionistiche siano superate, alimentando le aspettative che la BCE ritardi ulteriori tagli dei tassi di interesse. 

Mentre l'Europa fatica, Wall Street continua a correre. L'S&P 500 ha chiuso sopra i 5.500 dollari per la prima volta nella sua storia, segnando il 32° nuovo massimo storico del 2024. Anche il Nasdaq 100 ha raggiunto un nuovo massimo, chiudendo sopra quota 20.000. Il valore dell'S&P 500 è aumentato di oltre 16.000 miliardi di dollari dal minimo del 2022. Nonostante un inizio lento ieri, i principali indici hanno chiuso in positivo grazie ai commenti accomodanti del presidente della Fed, Jerome Powell, ai dati macroeconomici e al continuo rally dei titoli a grande capitalizzazione.

Ieri le azioni hanno faticato a decollare, con volumi di scambio in calo prima della festività del 4 luglio. Come promemoria, i mercati azionari e obbligazionari chiuderanno presto oggi e rimarranno chiusi giovedì. Nonostante l'inizio lento, i principali indici statunitensi hanno chiuso in territorio positivo grazie ai commenti accomodanti del presidente della Fed Powell, ai dati macroeconomici e al continuo rally dei titoli a grande capitalizzazione.

Subito dopo l'intervento di Powell al forum della banca centrale a Sintra, in Portogallo, il Bureau of Labor Statistics ha pubblicato dati che mostrano un leggero aumento delle offerte di lavoro a 8,1 milioni a maggio dai 7,9 milioni di aprile, superando le aspettative degli economisti. Tuttavia, il Job Openings and Labor Turnover Survey (JOLTS) ha rivisto al ribasso la cifra di aprile di 140.000. Questi dati evidenziano un mercato del lavoro resiliente ma in leggero raffreddamento, che Powell ha descritto come "più o meno quello che speravamo di vedere e che abbiamo visto". Ha anche sottolineato i progressi nella riduzione del tasso di crescita dei prezzi, pur ribadendo che la Fed ha bisogno di vedere ulteriori dati per assicurarsi che l'inflazione si stia "muovendo in modo sostenibile verso il 2%" prima di poter iniziare a tagliare i tassi di interesse.

Molti titoli hanno partecipato al miglioramento pomeridiano. Ben 340 azioni dell’S&P 500 hanno chiuso in progresso, con solo due settori in calo: sanità (-0,37%) ed energia (-0,08%). Il settore dei beni di consumo discrezionali è stato il leader, sostenuto dagli acquisti su Tesla e Amazon, mentre Nvidia ha mancato la partecipazione nel rally di ieri. Tesla si è distinta, balzando del 10% dopo aver riportato numeri di consegna del secondo trimestre migliori del previsto. Apple, Amazon.com e Microsoft sono stati tra i vincitori influenti, raggiungendo nuovi massimi di 52 settimane. Le "Magnifiche 7" hanno generato un progresso di circa il 30% dall'inizio dell'anno, contribuendo per ben 976 punti base al rialzo dello S&P 500, ovvero per quasi il 60% del suo rialzo.

LEGGI ANCHE: Tesla e lo stipendio da 56 mld di Musk: pressing sui soci per il via libera

Tesla è stata la peggiore performer tra le "Magnifiche 7" nel 2024, con un calo di poco meno del 7% nell'anno in corso, rimanendo indietro rispetto all'S&P 500, che è salito di circa il 15%. Tuttavia, il titolo ha registrato un'impennata recente, guadagnando quasi il 60% dopo la pubblicazione degli utili del primo trimestre il 23 aprile. Ieri Tesla è stata leader a Wall Street, con un rialzo di oltre il 10% grazie ai dati sulle consegne trimestrali. Nel secondo trimestre del 2024, Tesla ha dichiarato di aver consegnato 443.956 veicoli, un calo del 4,8% rispetto ai 466.140 veicoli consegnati nello stesso periodo dell'anno precedente, ma un aumento del 14,8% rispetto ai 386.810 veicoli consegnati nel primo trimestre del 2024. Le consegne del secondo trimestre hanno superato le aspettative degli analisti, che si attestavano a 439.000 veicoli.

I dati di Tesla si contrappongono ai decisi rialzi dei suoi competitor: BYD ha venduto circa 426.039 veicoli nel secondo trimestre, riducendo il divario con Tesla a 17.000 unità e registrando un rialzo del 21% su base annua. Xpeng ha consegnato circa 30.000 veicoli (+30%), Li Auto 108.000 (+25%) e Nio 57.373 (+144%). Nonostante la recente corsa al rialzo del titolo Tesla, Wall Street rimane cauta. Il prezzo obiettivo medio degli analisti per il titolo TSLA è di 185,81 dollari, con uno sconto del 20% rispetto ai livelli attuali, e la raccomandazione di consenso è "Hold" (mantenere). Tuttavia, il titolo continua a trovare supporto tra gli investitori retail, non a caso è il più detenuto su eToro, secondo solo ad Amazon in Italia.






in evidenza
Federico Chiesa e il fuoriprogramma con i fan prima di sposarsi

Autografi e selfie

Federico Chiesa e il fuoriprogramma con i fan prima di sposarsi


motori
Mercedes GLA ed EQA: motore termico vs. elettrico e la strategia di transizione di Mercedes-Benz

Mercedes GLA ed EQA: motore termico vs. elettrico e la strategia di transizione di Mercedes-Benz

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.