A- A+
Economia
manager

di Paolo Fiore

twitter@paolofiore

 

Il tetto agli stipendi dei manager mette in fuga le multinazionali. Quello che la Gran Bretagna teme se anche l'Ue dovesse introdurre un limite ai bonus dorati, si sta già verificando in Svizzera. A Berna il provvedimento è già una realtà: il via libera è arrivato con il referendum del 3 marzo, che impedirà l'assegnazione di super-stipendi senza l'approvazione degli azionisti.

Vincoli che le multinazionali starebbero mal digerendo. Secondo il presidente di Economiesuisse, Rudolf Wehrli, diverse aziende internazionali quotate in borsa si starebbero preparando a lasciare il Paese. Per ora i nomi sono tabù. Anche perché, fanno sapere fonti elvetiche interpellate da Affaritaliani.it, la scelta degli svizzeri è stata così netta (la proposta è stata approvata con il 68% dei consensi) che rifiutarla comporterebbe pesanti danni d'immagine. Dalle parti di Berna, poi, c'è chi pensa che il tetto ai bonus sia solo "un dettaglio, peraltro facilmente aggirabile", che da solo non può motivare un addio ai privilegi garantiti dalla Svizzera.

Le parole di Wehrli, comunque, danno man forte alle resistenze della Gran Bretagna, contraria all'introduzione di un limite agli stipendi d'oro. L'argomento è sul tavolo della Commissione Ue.

L'Europa  vorrebbe introdurre un tetto ai bonus, che non potranno superare il doppio della retribuzione fissa e dovranno avere il consenso degli azionisti. I Paesi dell'Unione sono favorevoli. Salvo, appunto, Londra, che teme ripercussioni sulle 144 mila persone che lavorano nella City o, peggio, una fuga delle multinazionali dall'Europa. Per quanto sia isolata, la posizione britannica è riuscita quantomeno a far rimandare l'intesa. Gli altri Paesi hanno preso tempo: Germania e Italia si sono dette favorevoli a un accordo "unanime", che quindi includa anche la Gran Breagna. 

Il modello svizzero ha riacceso il dibattito e conquistato potenziali emuli. Piace soprattutto a Berlino. Sia la Spd, primo partito d'opposizione, che Cda e liberali (al governo) si sono mostrati favorevoli all'introduzione di limiti che segua l'esempio di Berna. E l'Italia? Il ministro dell'Economia, Vittorio Grilli è favorevole al tetto europeo. Sull'argomento, i partiti non si sono pronunciati. Solo il Movimento 5 Stelle ha proposto la regola dell'1-12: "Lo stipendio dei manager può essere al massimo 12 volte quello dei dipendenti". Un'idea che non tocca, quindi, solo i bonus ma anche la busta paga base.

 

     

 

Tags:
managerbonusbanchesvizzeraue
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Nuova Mercedes AMG GT Coupe’4, sempre più ‘sartoriale’

Nuova Mercedes AMG GT Coupe’4, sempre più ‘sartoriale’


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.