A- A+
Economia
Tim, la Borsa scommette sul rialzo di Kkr: i sindacati contro l'uscita del Ceo

Tim, il mercato crede nel rilancio di Kkr e a piazza Affari il titolo torna verde

La Borsa crede alle ipotesi di rilancio di Kkr rispetto alla valutazione presentata al cda nello scorso week end e fa correre le azioni Tim nonostante le smentite arrivate dal fondo americano. Le quotazioni, che ieri avevano accusato una battuta d'arresto dopo il +30% di lunedì, salgono: +15,63% a fine seduta.

In attesa del consiglio di amministrazione di Tim in calendario venerdì, i rumors sulla volontà di Kkr di alzare già la proposta per convincere il primo azionista Vivendi a considerare l'offerta hanno riacceso gli acquisti: secondo Bloomberg, sul lato dell'offerente si starebbe ipotizzando una proposta tra i 70 e i 90 centesimi per azione.

Il primo azionista di Tim, Vivendi, che ha i titoli in carico a 83 centesimi, ha al momento giudicato "insufficiente" l'offerta di 50,5 centesimi per azione. Secondo fonti consultate da Radiocor, il fondo resta però concentrato sulla prima, e unica, proposta presentata al cda. Al momento la manifestazione di interesse di Kkr non ha ricevuto formalmente alcun feedback da parte del consiglio di Tim che non ha aperto alla richiesta di Kkr di una “due diligence” di 4 settimane per affinare la proposta. Secondo quanto riportato da Il Sole 24 Ore, il cda di Tim, insieme alla proposta, ha ricevuto il piano del fondo di riassetto con separazione dell'infrastruttura di rete dai servizi e con una road map per riportare a termine la rete sotto il cappello di Cdp.

"Questa ipotesi ci sembra più credibile rispetto a indiscrezioni che ipotizzano un intervento sulla rete ex-ante (separazione prima dell'Opa) o un'accelerazione sul progetto rete unica. Kkr infatti manterrebbe la piena esposizione all'asset infrastrutturale, il focus primario del fondo, garantendo gli investimenti necessari nei prossimi anni e poi offrendo un percorso che punta alla rete unica, con tempistiche coerenti con il complesso esame del regolatore europeo", sottolinea Equita Sim aggiungendo che il punto critico "è verificare se l'offerta avrà il gradimento del cda".

Per Bestinver un prezzo di opa di 70-80 centesimi rischierebbe di compromettere i ritorni per Kkr che a quel punto dovrebbe far leva o su uno schema regolatorio per la rete molto favorevole in termini di remunerazione o in un prezzo elevato a cui vendere Tim Brasil: per questo il broker, che ha una valutazione di 62 centesimi su Tim, suggerisce a eventuali investitori di sfruttare i movimenti di debolezza del titolo in area 43-45 centesimi. Nei giorni scorsi Intermonte, pur assegnando a Tim una valutazione di 55 centesimi per azione, si era spinta ad assegnare al titolo un potenziale upside fino a 85-90 centesimi per incorporare la creazione di valore da future iniziative come le sinergie da rete unica, la valorizzazione dei data center e l'M&A in Brasile anche se, sottolineava la casa di investimento, Kkr dovrebbe riconoscere nel suo prezzo d'offerta solo parte del potenziale per garantirsi un margine di guadagno tale da giustificare l'operazione. 

 

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    gubitosi timgubitosi tim kkropa tim kkrsindacati timsindacati tim kkrtim borsa kkrtim kkrtim vivendi
    i più visti
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021

    Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.