A- A+
Economia
USA. Bank of America ribassa le previsioni di crescita dell’Europa

‘ Il Coronavirus si rifletterà negativamente sulle previsioni crescita dell’Europa e l’Italia sarà il Paese che ne soffrirà maggiormente’ così le fosche previsioni economiche per il 2020 che Bank of America ha presentato rivedendo al ribasso le stime a causa dell’epidemia di Wuhan.

Già indebolita da diversi fattori concomitanti come la domanda fragile, le tensioni della Brexit, le guerre commerciali, e le sanzioni contro la Russia, la Zona Euro, secondo l’Ufficio Studi della banca americana, crescerà soltanto della metà di quanto previsto.

Bank of America rivede le previsioni di crescita dell' Europa

Da uno scarso 1% ad un impercettibile 0,6%. Una crescita molto vicina allo zero nel primo semestre e un possibile recupero nella seconda parte dell’anno.

E tutto questo se non si vada ad impattare in una diffusione contemporanea del virus in tutta Europa e soprattutto se la crisi possa essere risolta entro la fine della stagione primaverile. Solo in questo caso la stagione turistica potrebbe essere salvata, anche se non al 100%.

Al contrario, qualora cioè permanga il panico e il virus continui a girare, l’impatto sul turismo, soprattutto in paesi con particolare vocazione turistica, potrebbe toccare in alcuni casi il 10% del Pil.

I danni del virus sono, secondo la Banca americana,ormai abbastanza evidenti: una minor domanda straniera, minor domanda interna e interruzioni sulla catena del valore.

Grazie al virus e ad una gestione della crisi complicata, causa di inutile panico ed isteria, l’Italia (manco a dirlo), subirà il contraccolpo più significativo.

Bank of America rivede le previsioni di crescita dell'Europa

Le previsioni della Banca indicano che il nostro Paese entrerà in recessione con una crescita ridotta dallo 0,3% allo 0,2%.

La Germania  non sembra stare meglio e ridurrà le sue previsioni di crescita dallo 0,5% allo 0,1%. La Francia dall’1,2% allo 0,8% e la Spagna, unico paese con una correzione minima, dall’1,6% all’1,4%.

 

Come se ne uscirà?

Secondo Bank of America i paesi useranno clausole che permettano di evitare le stringenti regole comunitarie invocando lo stato di calamità.

In ogni caso, conclude il rapporto della Banca, né regole di flessibilità, né politiche fiscali e monetarie adattate al momento di emergenza, eviteranno all’Europa di entrare, in particolare nella prima metà dell’anno in corso, in una fase economica debolissima.

Per la seconda parte dell’anno, per quanto riguarda noi italiani, incrociamo le dita, speriamo nel caldo, in un possibile vaccino ( israeliano?americano?) e nella comprensione dei Signori dell’Europa visto che, pure la Germania,  sembra non passarsela proprio benissimo.

 

 

 

 

 

Loading...
Commenti
    Tags:
    bank of americacoronavirusitaliabrexitgermania
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
    Soldi, riforme e opere Conte promette di tutto

    Coronavirus vissuto con ironia

    Soldi, riforme e opere
    Conte promette di tutto


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Skoda non solo auto, in gamma 17 biciclette da quelle per bambini alle e-bike

    Skoda non solo auto, in gamma 17 biciclette da quelle per bambini alle e-bike

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.