A- A+
Cinema
Esce al cinema "Il colibrì": al centro il lutto e le sue ripercussioni

"Il colibrì", pellicola basata sul romanzo di Veronesi 

"Il Colibrì" esce nelle sale cinematografiche venerdì 14 ottobre. Film ispirato al celebre romanzo di Sandro Veronesi, mette in scena una storia contorta, intensa, struggente che inizia negli anni '60 e finisce nel futuro (per esattezza nel 2030). La pellicola abbraccia temi molto dibattuti, primo fra tutti la morte. A chiuderla una canzone inedita di Sergio Endrigo interpretata da Marco Mengoni.

E' la storia di un uomo, un medico, della sua vita segnata da una serie di lutti. Perdite importanti che supera concentrandosi sul lavoro, sulla famiglia (che pure si disgr​ega) e sulla figlia. E proprio il rapporto con questa, ossessionata da un filo immaginario (e poi tradita da uno reale) che rappresenta, non solo metaforicamente, l'attaccamento della ragazza alla vita, è il cuore del romanzo. E quando il filo si spezza 'Il colibrì', il romanzo, prende il volo.

Nella prima parte, il protagonista, l'oculista Marco Carrera, deve affrontare la moglie con cui è in crisi, il fratello con cui ha litigato, l'amico che tutti considerano uno iettatore, l'amante con cui non è mai andato a letto. Poi l'evento spartiacque che fa decollare il romanzo, l'urgenza di superarlo e l'avvento dell'Uomo del Futuro che dà un significato diverso e positivo all'esistenza. Grazie a lui e alla catarsi seguita alla grande partita di poker finale, il 'colibrì', il protagonista questa volta, tornerà a volare, la vita di Marco Carrera tornerà ad avere senso.

Il fallimento della psicanalisi 

Tutti parimenti importanti e allo stesso tempo tutti di contorno nella vita di Marco Carrera che alla fine si concentra e trova il senso vero dell'esistenza prima nella figlia e poi nell'Uomo del Futuro. Una soluzione che arriva paradossalmente da un amico psicanalista, al termine di un lungo viaggio in cui Marco Carrera-Veronesi esprime la sua opinione negativa sulla psicanalisi e sull'effetto che fa sulle persone. Marco infatti sembra vere gli stessi tratti del protagonista del romanzo di Italo Svevo, "La coscienza di Zeno".  Nello specifico Marco parla di tutte le donne della sua vita, da sua madre a sua sorella Irene, "per proseguire via via con amiche, fidanzate, colleghe, mogli, figlie, tutte, ma proprio tutte, sarebbero sempre state governate da disparate tipologie di terapia analitica" che avrebbero avuto conseguenze su di lui, vittima del quella che definisce "psicanalisi passiva". 

"Il colibrì": il superamento del lutto

La morte diventa presenza costante, ma non necessariamente negativa. Anzi: il lutto, dopo essere stato elaborato e superato, è motivo di ripartenza e di ottimismo. Esso dà modo all'autore di immaginare il mondo che verrà , in cui l'Uomo del Futuro rappresenterà, difenderà e porterà avanti con successo i valori più importanti quali solidarietà, rispetto per l'ambiente, rispetto per l'umanità

 


 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
colibrìfavinomorettisandro veronesi





in evidenza
Ilenia Pastorelli, dal Grande Fratello a Jeeg Robot (con David di Donatello). Foto

Che show a Belve!

Ilenia Pastorelli, dal Grande Fratello a Jeeg Robot (con David di Donatello). Foto


in vetrina
Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


motori
Bentley debutta nel mondo dell'Home Office alla Milano Design Week 2024

Bentley debutta nel mondo dell'Home Office alla Milano Design Week 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.