A- A+
Spettacoli
Luke Perry. "Grazie Dylan, hai reso i miei anni '90 ribelli e sonori"

Su Affaritaliani.it il ricordo dello scrittore pugliese Carlos Solito

Kelly non è mai come vorremmo. Il mondo il futuro il tempo atteso che disattende quello che credevamo giusto e sbagliato. Gli eventi la vita esistere, tutto è un po’ come un treno Kelly. Mentre conti gli ultimi spiccioli di fiducia che hai nelle tasche del cuore, tutto giunge ti prende ti porta. Lascia stare santi madonne chakra, il dovuto arriva mentre viaggiamo su questo treno e anche qui, uguale uguale, ogni fermata è annunciata da una voce. Interiore. Bassa, languida, delicata, controllata, lagnosa, maschia, femmina, ognuno ha la sua. Appartiene all’altra parte di noi che, in fondo al petto alla pancia insomma in quei paraggi, abita l’inconscio e di notte, ogni santa notte, fa accadere cose. Nella testa dico, da tempia a tempia. I sogni. Sogno tanto Kelly, ed è bello!

La fermata, dicevo, la voce della fermata. La mia è bassa, morbida, femmina, ben definita. E si fa viva assieme a un respiro profondo e costante. Non so perché ma mi ricorda la luna piena. Tu parli mai alla luna? Io sempre, e solo adesso l’ho capita questa cosa della voce che senza preavviso, con l’alta marea dei pori della pelle, si fa sentire. È la luna che sta qua, petto pancia insomma in quei paraggi, e risponde a tempo suo, quello giusto. E tutte, tutte le stazioni nelle quali sono passato e sceso me le ha annunciate. Piano piano, delicatamente, intensamente. Stazione dolore. Stazione rabbia. Stazione imbecilli, impazienza, gioia, bellezza, desiderio. Stazione amore.

E chi non è sceso alla stazione Amore, eh Kelly? Quando arrivi ti scordi orologio, scopri musica e scopri quanto è forte essere deboli.

Accadiamo, cadiamo Kelly. Ognuno cerca la sua via, ognuno trova la sua vita. Eccoci qua, tu, mia. Restiamo fermi, a dedicarci i respiri, a sentire il suono delle ultime monete che ci sono rimaste nei ventricoli. Facciamo silenzio, facciamo parlare le nostre lune in un attimo tutto nostro, senza tempo, magari un passante ci farà una foto. E questa scena di adesso, uno difronte all’altra, naso contro naso, resterà per sempre e racconterà di noi anche quando saremmo passati. Come un treno, come gli eventi.

Grazie Dylan per come hai reso i miei anni ‘90 meravigliosi ribelli sonori.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    luke perry morteluke perry beverly hillsluke perry riverdalemorto luke perrydi cosa è morto luke perrymorte luke perryluke perry dylanluke perry filmwendy madisonmolly ringwald
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza

    Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza


    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021

    Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.