A- A+
Spettacoli
Lutto nel mondo dello spettacolo. E' morta Raffaella Carrà
RAFFAELLA CARRA'

"Raffaella ci ha lasciati. E' andata in un mondo migliore, dove la sua umanità, la sua inconfondibile risata e il suo straordinario talento risplenderanno per sempre''. Con queste parole Sergio Iapino dà il triste annuncio della scomparsa di Raffaella Carrà, unendosi al dolore degli adorati nipoti Federica e Matteo, di Barbara, Paola e Claudia Boncompagni, degli amici di una vita e dei collaboratori più stretti.

La grande artista si è spenta alle ore 16.20 di oggi, dopo una malattia che da qualche tempo aveva attaccato quel suo corpo così minuto eppure così pieno di straripante energia. Una forza inarrestabile la sua, che l'ha imposta ai vertici dello star system mondiale, una volontà ferrea che fino all'ultimo non l'ha mai abbandonata, facendo si che nulla trapelasse della sua profonda sofferenza.

4608858 largeRaffaella Carrà
Lapresse

 

L'ennesimo gesto d'amore verso il suo pubblico e verso coloro che ne hanno condiviso l'affetto, affinché il suo personale calvario non avesse a turbare il luminoso ricordo di lei. Donna fuori dal comune eppure dotata di spiazzante semplicità, non aveva avuto figli ma di figli - diceva sempre lei - ne aveva a migliaia, come i 150mila fatti adottare a distanza grazie ad 'Amore', il programma che più di tutti le era rimasto nel cuore. Le esequie saranno definite a breve. Nelle sue ultime disposizioni, Raffaella ha chiesto una semplice bara di legno grezzo e un'urna per contenere le sue ceneri. Nell'ora più triste, sempre unica e inimitabile, come la sua travolgente risata.

7112194 largeRaffaella Carrà
Lapresse

 

CARRA' - BAUDO, 'DOLORE ATROCE, SE N'E' ANDATA L'ULTIMA GRANDE VERA SOUBRETTE'

"Sono immensamente scosso. E' stata un'artista eccezionale, un'autodidatta straordinaria, io la conosco dagli inizi della sua carriera. Io non sono riuscito mai a fare un programma con lei, era l'unico rimprovero che le facevo sempre, è il mio grandissimo rimpianto". E' un Pippo Baudo estremamente scosso quello che, a caldo, commenta con l'Adnkronos la scomparsa improvvisa di Raffaella Carrà. "Aveva studiato ballo, era diventata anche una grande ballerina -ricorda Pippo a ruota libera, trattenendo le lacrime- Quando fece coppia con Mina, c'era un'asimmetria notevole tra le due, perché Mina è più alta di lei, eppure lei annullava questa asimmetria. E poi, è una delle poche soubrette italiane, forse l'unica, che ha avuto successo nei paesi ispanici". Baudo ricorda un aneddoto a questo proposito: "Una volta in Spagna, a Plaza de Toros, c'era Raffaella Carrà da sola col suo gruppo, e ricordo intorno trentamila persone. Una cosa incredibile, un amore come per nessun'altra italiana". Il motivo dell'enorme successo e dell'unicità di Raffaella stava, secondo il popolare conduttore, nella semplicità: "Era la bella 'burdela' romagnola, la guappa, aveva una voce forte che faceva impazzire tutti. Il suo modo di essere faceva pensare ad ogni ragazza di poter diventare Raffaella Carrà, invece non era vero. Ci voleva solo il suo talento per essere Raffaella Carrà. E' stata l'ultima vera grande soubrette. Sono affranto", conclude Pippo.

CARRA' - MOGOL, 'COMUNICAVA ALLEGRIA, ERA SORRIDENTE E GIOIOSA'

''La ricordo sorridente ed allegra, la ricordo che comunicava allegria, simpatia. I suoi spettacoli erano allegri, lei era sorridente, gioiosa e bella''. Lo dice all'Adnkronos il presidente della Siae Giulio Rapetti in arte Mogol, apprendendo con ''vero dispiacere'' la notizia della scomparsa improvvisa di Raffaella Carrà.

CARRA' - MALGIOGLIO, 'ARTISTA MERAVIGLIOSA, HO IL CUORE A PEZZI'

''Sono addolorato e piango una amica meravigliosa. Artista meravigliosa. Oggi ho il cuore a pezzi. Riposa in pace e non ti dimenticherò mai... mia adorata #raffaellacarra. Che triste la vita''. Così Cristiano Malgioglio in un Tweet commentando la scomparsa di Raffaella Carrà.

7112172 largeRaffaella Carrà
Lapresse

 

CARRA' - ARBORE, 'ENORME DOLORE, CON LEI SI CHIUDE LA BELLE EPOQUE DELLA TELEVISIONE'

"Siamo addoloratissimi, era un simbolo, il simbolo della bella televisione. Di quella che era la più bella televisione del mondo, quella della Rai. Con lei su chiude il sipario su quel tipo di bella televisione educativa, istruttiva, elegante, allegra, semplice ma musicale. Gli storici credo che con Raffaella parleranno della fine di quella che è stata la bella epoque della televisione". Con queste intense parole Renzo Arbore esprime all'Adnkronos il suo cordoglio per la scomparsa di Raffaella Carrà, venuta a mancare oggi a 78 anni. "C'è l'immenso dolore di aver perso una collega -prosegue Arbore- perché era di quella generazione che è stata decimata, e che io ho ricordato nel programma dedicato a Gianni Boncompagni 'Non è la Bbc' dove lei, per la prima volta, ha parlato dell'amore per Gianni", ricorda. L'artista dedica poi un momento ad un personale ricordo della grande soubrette, e di alcuni momenti vissuti insieme: "Ricordo Raffaella e le giornate passate in piscina da Gianni, con Marenco...le confidenze che mi faceva Boncompagni su di lei. Era il periodo più bello della tv, quella di Bernabei e di Agnes, la bella televisione. Un grandissimo dolore".

CARRA' - COSTANZO, 'E' STATA UN'ARTISTA COMPLETA, SIAMO STATI AMICI TUTTA LA VITA'

Raffaella Carrà è stata ''un'artista completa''. Lo dice All'AdnKronos Maurizio Costanzo ricordando Raffaella Carrà, scomparsa improvvisamente oggi a 78 anni. ''E' stata una grande figura. Se si pensa al 'Tuca Tuca' a 'Come è bello far l'amor da Trieste in giù' e a 'Carramba che sorpresa' cioè un talk con l'emozione finale. Un mondo''. ''Aveva 16 o 17 anni - racconta Costanzo - e la mamma mi chiese di aiutarla a fare il tema per l'ammissione al centro sperimentale di cinematografia. Io l'ho fatto e da allora siamo rimasti amici tutta la vita".

CARRA' - MARCO MENGONI, 'ERA UNA REGINA INDISCUSSA, PEZZO DI STORIA CHE VIVRA' SEMPRE'

"Raffaella Carrà ha cambiato e stravolto tutto, compreso le nostre vite. I nonni ci raccontavano di quell'ombelico che faceva discutere...e in fondo in fondo ballare. Per i nostri genitori era un faro di libertà. Per noi una regina indiscussa, un pezzo di storia che vivrà sempre!". Lo scrive Marco Mengoni sul suo profilo twitter.

CARRA' - COSTANTINO DELLA GHERARDESCA, 'UNA STRAORDINARIA LEGGENDA ITALIANA'

"Raffaella Carrà è stata e sempre sarà una straordinaria leggenda italiana. Ci siamo cresciuti insieme e non la dimenticheremo mai". Così su twitter Costantino della Gherardesca.

CARRA' - AL BANO, 'E' STATA UNA NUMBER ONE, HA AVUTO SUCCESSO OVUNQUE'

''Era una showgirl completa, perfetta, da esportazione. Ha avuto successo in tutto il mondo, dal Messico all'Argentina, dall'Italia alla Germania. E' stata un'artista completa e di target internazionale". Lo dice all'AdnKronos Al Bano commentando la morte improvvisa di Raffaella Carrà, sottolineando che "è' una number one che non c'è più". "Lavoravo molto in Spagna - ricorda Al Bano - e Gianni Boncompagni mi chiese l'indirizzo del mio manager che si chiamava Tony Caravaca per far arrivare Raffaella Carrà in Spagna. Insomma, il primo che le ha aperto le porte della Spagna sono stato io. Abbiamo fatto 'Canzonissima', tante trasmissioni insieme. L'ultima volta che l'ho vista risale a due anni quando partecipammo ad un programma cinese dove c'era una delle cantanti più famose della Cina. Non sapevo nulla della sua malattia", conclude Al Bano.

7217492 largeRaffaella Carrà
Lapresse

 

CARRA' - CLERICI, 'INEGUAGLIABILE, UNICA, AVREI VOLUTO DIRLE TANTE COSE MA NON HO MAI OSATO'

"Ineguagliabile, unica, una Stella vera, un talento da guardare con ammirazione e rispetto. Avrei voluto dirle tante cose ma non ho mai osato... buon viaggio Raffaella". Sono le parole con cui, su Twitter, Antonella Clerici ricorda Raffaella Carrà, scomparsa oggi a 78 anni.

CARRA' - BERLUSCONI, 'UN SIMBOLO, IO LE HO VOLUTO MOLTO BENE'

affaella Carrà è stata uno dei simboli della televisione italiana, forse il personaggio più amato. Con i suoi programmi ha saputo parlare a generazioni molto diverse, avendo la capacità di rimanere sempre al passo coi tempi e senza mai scadere in volgarità. Mancherà a milioni di telespettatori che l'hanno amata per il suo stile e a tutti quelli che - come me - hanno avuto l'opportunità di conoscerla e di lavorarci assieme. Io le ho voluto molto bene. Ciao Raffaella". Lo scrive su Facebook Silvio Berlusconi.

CARRA' - MATTARELLA, 'COLPITO, AMATA DA GENERAZIONI HA TRASMESSO OTTIMISMO'

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha rilasciato la seguente dichiarazione: "Sono profondamente colpito dalla scomparsa di Raffaella Carrà, un'artista popolare, amata e apprezzata da diverse e numerose generazioni di telespettatori in Italia e all'estero. Volto televisivo per eccellenza ha trasmesso - con la sua bravura e la sua simpatia - un messaggio di eleganza, gentilezza e ottimismo".

CARRA' - DRAGHI, 'PROFONDA TRISTEZZA, HA PORTATO IL NOME DELL'ITALIA NEL MONDO'

Il presidente del Consiglio Mario Draghi ha appreso con profonda tristezza della scomparsa di Raffaella Carrà. "Con il suo talento e la sua professionalità ha avuto un ruolo decisivo nel diffondere la cultura dello spettacolo in Italia. La sua risata e la sua generosità hanno accompagnato generazioni di italiani e portato il nome dell'Italia nel mondo. Agli amici e ai nipoti vanno le più sentite condoglianze di tutto il governo", si legge in una dichiarazione del premier.

CARRA' - LUCIO PRESTA, 'BALLO BALLO BALLO DA CAPOGIRO, E INTANTO PIANGO.. CIAO RAFFA'

"Ballo ballo ballo da capogiro, ballo ballo ballo senza respiro.... e intanto piango. Ciao Raffa, ci vediamo in barca". Sono le parole toccanti con cui il manager Lucio Presta sceglie di ricordare sui social Raffaella Carrà, nel giorno della sua improvvisa scomparsa.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
raffaella carrà





in evidenza
Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento

Politica

Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento


in vetrina
Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"

Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"


motori
Citroen nuovo Berlingo, nato per facilitare la vita quotidiana

Citroen nuovo Berlingo, nato per facilitare la vita quotidiana

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.