A- A+
Spettacoli
Mannheimer: "Io sondaggista vado in teatro. Elezioni? Bene Salvini con Silvio"

“Io recitavo sin da piccolo e mi è sempre piaciuta l’idea. L’opportunità è nata per caso durante una chiacchierata ed ecco lo spettacolo, scritto dalla drammaturga Valeria Cavalli e con la regia di Alberto Oliva”. Renato Mannheimer racconta ad Affaritaliani.it “Il Sondaggista – Ovvero i danni del teatro”, che lo vedrà in scena dal 9 al 12 novembre all'MTM Teatro Litta di Milano.

Uno spettacolo scritto sulla falsariga del famoso atto unico di Anton Cechov “Sui danni del tabacco”. Ma il titolo pare anche molto autobiografico…
“L’idea iniziale era che io provassi a interpretare Cechov. Poi ci siamo resi conto che non essendo io un attore... era troppo (ride, ndr). Però Valeria Cavalli, scrivendolo, ha voluto fare una cosa un po’ autobiografica e un po’ che riprendesse alcuni tratti di Checov. E’ un misto: ci sono citazioni del drammaturgo russo, qualcosa di autobiografico, ma anche cose inventate per far ridere”

Quali sono i tratti autobiografici della commedia?
“La mia esperienza nei sondaggi e quella televisiva. La voglia di fare l’attore... Poi però canto e ballo, cosa che non avevo mai fatto nella vita. Mi sono anche stortato un ginocchio nelle prove a ballare…”

Dal teatro ai sondaggi e alla politica di queste ore. Alla luce di quanto sta accadendo in Sicilia cosa dobbiamo aspettarci alle prossime elezioni del 2018?
“Sono ancora molto lontane. C’è di mezzo una campagna elettorale e i partiti devono ancora definire candidati e programmi. Quindi ancora non si può dire. Però certo il Pd dimostra di essere in crisi in questo momento. Magari la supererà, ma sicuramente è una crisi che era attesa. Abbiamo la dimostrazione di un partito in difficoltà. Invece..."

Invece?
"C’è la non difficoltà del Movimento 5 Stelle, che si pensava fosse in calo alla luce di tutto quello che è successo. Alle ultime amministrative l’M5S aveva avuto un’erosione a favore dell’astensione. Questa volta ci sono stati tanti astenuti, ma i 5 Stelle restano forti. Malgrado i problemi, Roma, Torino… i grillini raccolgono la protesta e la disaffezione”

La Lega di Salvini come la vede?
“Deve necessariamente allearsi con Berlusconi alla luce di questo sistema elettorale. E mi pare un’alleanza che possa funzionare. Per adesso il Centro-Destra ha mostrato di poter fare quell’alleanza che ha il vento in poppa. E potrebbe anche farcela alle elezioni”

Dal presente ai ricordi. Nella sua carriera di sondaggista quali sono le elezioni che ricorda con maggior piacere?
“Non ero ancora sondaggista, ma un giovane assistente all’Università e fu il Referendum sul divorzio del 1974”

Perché?
“Segnò la svolta in Italia. Fu la prima volta che la gente votò in modo difforme dal partito che tradizionalmente aveva sempre votato. Sino ad allora se uno era comunista, votava sempre comunista. E così i democristiani. Si votava per identità. Un tema come quello del divorzio, più semplice da capire rispetto a problemi politici più complicati e che aveva a che fare con la vita quotidiana di noi tutti, vide la gente votare in modo diverso. Avessero seguito la distribuzione delle preferenze politiche che c’erano in quel momento, avrebbe vinto l’abolizione del divorzio. Invece non andò così. E fu l’inizio della grande mobilità elettorale, che poi si è susseguita e che viviamo ancora oggi”

Il ricordo più brutto?
“Non ricordo le amministrative, ma ci fu un errore tremendo. Di quelli da vergognarsi. Pagammo la nuova mobilità del voto. Ma tutto si recupera…”

A livello personale lei inizia questa avventura teatrale dopo un periodo difficile. Ricordiamo i guai con il fisco che poi ha risolto. Che lezione ha tratto da questa vicenda?
“Prima di tutto bisogna stare attenti a chi dai ascolto. Non sempre i consiglieri vanno bene. E poi occorre stare attenti, essere bravi e pagare le tasse”

Tags:
mannheimerrenato mannheimerio sondaggistamannheimer teatromanneheimer sondaggimannehimer sondaggi elettoralimannheimer teatro litta
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Diletta Leotta e Can Yaman: conduttrice Dazn in Turchia. E la mamma di lui...

Diletta Leotta e Can Yaman: conduttrice Dazn in Turchia. E la mamma di lui...


casa, immobiliare
motori
Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia

Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.