A- A+
Spettacoli
Morlacchi a Lucarelli: “Nervosa per il fidanzato che balla con un’altra"
Selvaggia Lucarelli - Jessica Morlacchi (foto Ipa)

Jessica Morlacchi contro Selvaggia Lucarelli dopo il caso Memo Remigi 

Continua lo scontro pubblico tra Jessica Morlacchi, palpata in diretta tv da Memo Remigi, e la giurista di “Ballando con le stelle” Selvaggia Lucarelli. La giornalista nei giorni scorsi aveva criticato la cantante (dopo aver condannato l’atteggiamento di Remigi) perché in passato aveva fatto “faccette annoiate quando si parla di sessismo (non era la prima volta) e prenda la parola per dire che le donne non si palpano e non si chiamano 'tro.e', perché sono cose gravi allo stesso modo”, riferendosi al caso di Iva Zanicchi che, qualche settimana prima, aveva definito “tro.a” poprio la Lucarelli.

post
 

“Mi sono capitati sotto mano più post… Che dire… Immagino il nervosismo che ti pervade quando si vede ballare il proprio fidanzatino con la bellissima ballerina. Quindi ci sta… Poi magari subentra anche il ciclo. Poi in questo caso si parte da una base di “veleno d’animo” puro. Insomma, comprendo comprendo…”. Scrive la Morlacchi su Instagram con chiaro riferimento a Selvaggia Lucarelli e al suo fidanzato Lorenzo Biagiarelli, concorrente a “Ballando con le Stelle” insieme alla danzatrice professionista Anastasia Kuzmina.

LEGGI ANCHE: Selvaggia Lucarelli a Jessica Morlacchi: "Impari a non fare faccette annoiate quando si parla di sessismo"

“Quando è scoppiato il caso Memo Remigi – ha replicato la Lucarelli – ho scritto che per me Memo Remigi poteva starsene a casa come deciso dalla Rai senza rimpianti e andava bene così, ma che la vittima del suo palpeggiamento aveva molto da imparare da questa vicenda. E lo dicevo perché la vedevo sempre ridacchiare e scocciarsi quando si parlava di epiteti sessisti a me rivolti, la vedevo sempre dalla parte dei maschi”.

“L’avevo – continua - quindi invitata a riflettere perché che sia una palpata o un “troi*”, la matrice è la stessa (qualche analfabeta funzionale ha capito che assolvessi Remigi, che mestizia). Piccata dalle mie osservazioni, oggi scrive questa specie di disastro sessista tra pregiudizi avvilenti su invidie femminili e acidità da mestruazioni”. “Appunto, non sbagliavo. Si può essere vittime di Memo Remigi e pensare come Memo Remigi, non c’è nulla di strano. Ma molto di deprimente. Fossi in Serena Bortone mi sceglierei affetti meno instabili, in futuro“, ha concluso la Lucarelli.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
lucarellimorlacchi





in evidenza
Ferragni, Fedez e la lite da Cracco: "Se ne sono detti di tutti i colori”

Il retroscena

Ferragni, Fedez e la lite da Cracco: "Se ne sono detti di tutti i colori”


in vetrina
OVS annuncia la partnership con la Rai per la serie tv "Mare Fuori"

OVS annuncia la partnership con la Rai per la serie tv "Mare Fuori"


motori
Renault Scenic E-Tech trionfa come Auto dell'Anno 2024 al Salone di Ginevra

Renault Scenic E-Tech trionfa come Auto dell'Anno 2024 al Salone di Ginevra

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.