A- A+
Spettacoli
Prince, giallo sulla morte. "6 ore prima overdose di oppiacei"
Prince, giallo sulla morte: "Overdose oppiacei"

PURPLE RAIN, LA DEDICA DELLA NASA/ "Una nebulosa viola in onore di Prince". Cosi' la Nasa in un Tweet, nel giorno della sua morte ha reso omaggio all'autore di Purple Rain, con una foto dallo spazio della nebulosa del Granchio, viola come il colore che ha accompagnato negli anni il genio di Minneapolis. Dall'uscita di Purple Rain (che gli ha portato anche un Oscar nel 1985 come miglior colonna sonora per l'omonimo film), il viola e' stato il colore di Prince: dei suoi abiti stravaganti, della scenografia dei concerti e perfino della sua chitarra. 

GIALLO PRINCE: "RICOVERATO SEI ORE PRIMA DELLA MORTE"

"Prince ricoverato per overdose sei ore prima della morte". Lo sostengono i media Usa, secondo i quali anche una settimana fa Prince fu ricoverato in ospedale per una overdose di oppiacei e non per una banale influenza come invece dichiarato dal suo manager. Lo scrive Tmz, il sito che ieri ha dato per primo la notizia della morte della popstar. Il ricovero di cui si parla risale al 15 aprile scorso, quando l'aereo privato di Prince fece un atterraggio d'emergenza in Illinois, di ritorno da un concerto ad Atlanta, e l'artista fu ricoverato d'urgenza.

"PRINCE RICOVERATO PER OVERDOSE DI OPPIACEI"

Lo stesso Tmz in quell'occasione parlo', citando il suo manager, di un ricovero di qualche ora dovuto al peggioramento di un'influenza con la quale Prince era alle prese da qualche giorno. Invece, sostiene il sito di gossip, Prince fu sottoposto ad un trattamento urgente (tecnicamente il 'save shot') per una overdose da oppiacei. I medici avrebbero voluto trattenerlo in ospedale per qualche giorno, sostiene ancora Tmz, ma non essendo disponibile una stanza privata l'entourage del cantante ha chiesto di farlo dimettere.

DUE MESI FA MORTA VANITY, LA EX DI PRINCE

Tra i misteri, le ambiguita' e le coincidenze della vita e della morte di Prince, c'e' anche quella della scomparsa della sua ex compagna Vanity, avvenuta appena due mesi fa, il 16 febbraio scorso, alla sua stessa eta', 57 anni. La cantante, leader delle Vanity6, al secolo Denise Katrina Matthews, era morta in un ospedale della California a causa di un'insufficienza renale. Da tempo combatteva con una grave e rara malattia, la peritonite sclerosante incapsulante, ma i suoi problemi di salute erano legati soprattutto dall' abuso di stupefacenti, soprattutto crack. Dopo un ricovero d'urgenza all'ospedale di Los Angeles, Vanity aveva abbandonato le scene e intrapreso un un cammino spirituale. Nel 1994 aveva aderito alla setta dei 'cristiani rinati'. La ex cantante sostenne allora di aver ricevuto una visita da Gesu' che le avrebbe promesso di salvarla dalla morte se avesse abbandonato il personaggio di Vanity. Lascio' quindi definitivamente il mondo dello spettacolo, dedicandosi all'attivita' di predicatrice, proseguita fino al definitivo aggravarsi delle sue condizioni di salute.

Tags:
prince morteprince overdose oppiaceiprince giallo autopsia
in evidenza
Dazn spegne i rumors sulla Leotta E' confermata sulla Serie A . Le foto

Sport

Dazn spegne i rumors sulla Leotta
E' confermata sulla Serie A. Le foto

i più visti
in vetrina
Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente


casa, immobiliare
motori
Mercedes partnership con Phi Beach

Mercedes partnership con Phi Beach


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.