A- A+
Spettacoli
Robin Williams: fu la demenza, non la depressione a portarlo al suicidio

Susan Schneider, la vedova di Robina Williams giura non è stata la depressione a portare l'attore al suicidio l'11 agosto 2014. "La depressione era solo uno di circa 50 sintomi, uno dei più lievi", ha spiegato a People. E rivela: "È stata la demenza a corpi di Lewy a prendersi la sua vita". Si tratta di una malattia neurodegenerativa che provoca demenza, allucinazioni, disturbi nel movimento. Non solo: è associata anche al morbo di Parkinson, che era appena stato diagnosticato allo stesso attore.

"Stavamo vivendo un incubo. Robin avrebbe potuto vivere forse altri tre anni, se fosse stato fortunato. Ma sarebbero stati anni difficili", confessa. I sintomi della demenza avevano fatto perdere a Williams anche la voce, gli provocavano rigidità dei muscoli, ansia e depressione. "Un minuto era totalmente lucido, quello dopo diceva qualcosa che non aveva senso". E l'ultimo mese di vita del 63enne fu un calvario.  "È stato un caso unico, e prego Dio che possa fare chiarezza sulla demenza a corpi di Lewy per i milioni di persone che ne soffrono e per i loro cari".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
robin williamsdemenzadepressionesuicidio
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT

Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.