A- A+
Spettacoli
Roxette, il grande ritorno: esce "Good Karma"

L’8 Luglio 1986, un nuovo duo pop appena formato chiamato Roxette pubblicò il suo album di debutto, ”Neverending Love”, dando il via a un circo pop che difficilmente potrà essere replicato.

30 anni dopo, la band può guardarsi indietro e vedere una carriera che ha generato quattro Numeri Uno in America, più Top 10 hit di quanti potremmo nominare qui, un numero impressionante di 75 milioni di dischi venduti e numerosi tour che gli hanno procurato fan in tutto il mondo.

Nonostante si siano guadagnati il diritto di guardare tre decenni di successi alle spalle, i Roxette hanno ancora voglia di guardare avanti al futuro – per esempio unendo le forze con l’innovativo duo di produttori svedesi Addeboy vs Cliff.

”Good Karma” è il nuovo album dei Roxette, ed è il loro decimo album in studio da ”Pearls Of Passion” del 1986 — il terzo da quando fecero ritorno sulle scene nel 2009, a seguito di sette lunghi anni d’inattività durante i quali Marie Fredriksson sconfisse con successo un quasi fatale tumore al cervello. E ancora una volta può rendersi conto del perché ai “Roxers” di tutto il mondo vengono gli occhi lucidi quando canta.

Paragonato ai suoi due immediati predecessori ”Charm School” (2011) e ”Travelling” (2012), ”Good Karma” è un album più coerente, in cui tutte le canzoni sono state scritte per questo disco.

”Good Karma” è stato un progetto diverso fin dall’inizio, un album al passo con i tempi ma allo stesso modo sostenuto dalla più classica della tradizione dei Roxette.

”Good Karma” suona come un solido album dei Roxette, con la giusta miscela di ballate che danno a Marie l’opportunità di brillare e le hit di Gessle dal sapore di bubblegum al lampone che tirano fuori la testa appena possono. Ma questa volta, una grossa parte del materiale è trattata con un leggero tocco elettronico.

Il che è per lo più dovuto alla nuova costellazione di produttori. Fin dagli esordi dei Roxette, Clarence Öfwerman è stato il tastierista e il produttore principale del gruppo, aggiungendo il suo tocco con quel genere di passaggi melodici di piano che hanno fatto la caratteristica principale di molti dei più grandi successi del gruppo.

Insieme a Christoffer Lundqvist (che oltre ad occuparsi di programming e mixing suona anche diversi strumenti), Öfwerman costituisce, sin dalla fine degli anni 90, il cuore del team di produzione dei Roxette.

A questi ora aggiungete il duo di produttori svedesi Addeboy vs Cliff, che hanno co-prodotto quattro canzoni e contribuito a scriverne tre, e otterrete un interessante set-up di background musicali e metodi differenti.

“L’aspetto interessante della collaborazione con produttori e compositori che sono molto più giovani di noi è che ci complementiamo a vicenda pensando in modo differente”, dichiara Per Gessle. “Nei Roxette ci siamo sempre adoperati a definire tutti i piccoli dettagli; piccole cose che potevano essere aggiunte solo nella seconda strofa, un flusso di note per dare più colore al sound e rendere la canzone più interessante da ascoltare mentre scopri altre cose.”

L’atmosfera vibrante si può già notare nel brano che apre l’album, ”Why Dontcha?”, una canzone pop veloce dettata dalla chitarra acustica di Per, una drum machine primitiva e il debutto di Christoffer Lundqvist come sassofonista funkeggiante.

Segue il primo singolo, ”It Just Happens”, una balata melodica con Marie Fredriksson e Per Gessle che si scambiano le parti vocali nella classica maniera dei Roxette. La band continua a scavare nel suo passato musicale con la canzone che da’ il titolo all’album, un power rocker con la voce di Marie mentre in sottofondo, fragili melodie al piano si fondono con il suono della chitarra più rock dal 1989.

Il divertimento continua con ”This One”, con un coro che ti resta in testa in un modo tale che spiega perché i Roxette sono ancora nelle playlist di tutto il mondo. La parola chiave qui potrebbe essere sensibilità pop. E suona attuale ora tanto quanto in ”Pearls Of Passion” 30 anni fa. 

Il decimo album dei Roxette offre undici canzoni diverse tra di loro tanto che non si riesce a prevedere come sarà la successiva. Per esempio, le due collaborazioni con Addeboy vs Cliff, ”You Make It Sound So Simple” e ”From A Distance” avvolgono le voci di Per e Marie in un universo elettronico che suona nuovo e familiare allo stesso tempo.

E mentre ”Some Other Summer” si fa strada sgomitando con tutta la consapevolezza di essere un successo pop dell’estate, ”Why Don’t You Bring Me Flowers?” si libera di quasi tutti gli strati musicali finché restano solo la voce malinconica di Marie e un’altra di quelle tipiche melodie ossessive dei Roxette.

Addeboy vs Cliff ritornano in quello che probabilmente è l’esperimento estremo dell’album, il pop dallo schema elettronico di”20 BPM”, prima che l’ultima canzone, ”April Clouds” si fa di nuovo introspettiva. Con l’ultima strofa ”I wish you the best” Marie Fredriksson chiude un album di ritorno che è sicuramente al passo con I tempi.

E se volete credere a Marie Fredriksson, “Good Karma” è il migliore album che i Roxette abbiano fatto. Fino a ora.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
roxetteroxette good karma
in evidenza
Ferragni spettacolare a Parigi Calze a rete e niente slip

Le foto delle vip

Ferragni spettacolare a Parigi
Calze a rete e niente slip

i più visti
in vetrina
Briatore innocente, non frodò il fisco con lo yacht. "Fine di un calvario"

Briatore innocente, non frodò il fisco con lo yacht. "Fine di un calvario"


casa, immobiliare
motori
Renault svela gli interni della nuova Austral

Renault svela gli interni della nuova Austral


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.