A- A+
Economia
Esce "Il manifesto del lavoro": l'estratto in anteprima su affaritaliani.it
Donne e lavoro

"Democratizzare l'impresa": l'estratto de "Il manifesto del lavoro" è solo su affaritaliani.it

 

"Il manifesto del lavoro" (Castelvecchi editore), a cura di Isabelle Ferreras, Julie Battilana, Dominique Méda, sarà presentato nel corso di una tavola rotonda mercoledì 6 luglio, alle ore 18.00, presso Palazzo Wedekind - Sala Angiolillo (Piazza Colonna, 366 - Roma). Dopo i saluti del Presidente dell’INPS Pasquale Tridico, interverranno Marina Calloni (Università degli studi di Milano Bicocca), Stefano Fassina (LeU), Maurizio Landini (Segretario Generale CGIL ), Andrea Orlando (Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali). Modera Laura Pennacchi (economista e politica). Affaritaliani.it ne pubblica in esclusiva un estratto: il capitolo "Democratizzare l’impresa", di Hélène Landemore.

 

 

image1
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leggi l'estratto "Democratizzare l'impresa":

 

Democratizzare il lavoro significa riconoscere la natura politica di qualsiasi organizzazione e/o relazione umana in cui si esercitano rapporti di potere e, in particolare, di quei soggetti per cui molti di noi lavorano (grandi imprese, università, ospedali…) e che sono meglio descritti, nel sistema attuale, come «soggetti politici» in mano a «governi privati» , controllati da ristrette oligarchie, generalmente composte da azioniste/i. Democratizzare il lavoro significa dare voce a tutte/i coloro che, in un’organizzazione, economica o meno, danno un contributo all’impresa comune con il loro «investimento in lavoro», come teorizza Isabelle Ferreras, ossia la partecipazione diretta alla produzione di beni o servizi, ma anche con contributi più intangibili per l’esistenza della comunità umana, ma essenziali per questa impresa comune, in particolare nella cura degli altri. In termini concreti, democratizzare il lavoro significa dare alle/ai lavoratrici/tori il potere decisionale, includendole/i anche ai più alti livelli, per esempio nei consigli di amministrazione. Oggi, a parte Germania, Paesi Bassi, Paesi scandinavi e alcuni altri Paesi europei, dove è previsto un livello minimo di partecipazione delle/dei dipendenti , e naturalmente il caso molto minoritario
delle cooperative di produttrici/tori, questi consigli di amministrazione non includono rappresentanti delle/dei lavoratrici/tori. Democratizzare il lavoro significa quindi, per imprese e organizzazioni simili, aprire la porta delle stanze del potere alle/ai lavoratrici/tori o alle/ai loro legittime/i rappresentanti (a rigor di logica elette/i, ma si possono anche prevedere altre modalità di selezione come il sorteggio). Per lo Stato significa dare incentivi fiscali alla creazione di cooperative o imprese che assumano una forma giuridica che traduce a livello istituzionale questi princìpi di condivisione del potere. Perché democratizzare il lavoro?

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    castelvecchi editore.dominique médail manifesto del lavoroisabelle ferrerasjulie battilanamaurizio landini




    
    in evidenza
    Falchi-Crippa, prima uscita pubblica Matrimonio in vista? Quell'anello...

    Le foto

    Falchi-Crippa, prima uscita pubblica
    Matrimonio in vista? Quell'anello...


    motori
    Nuovo PEUGEOT E-3008 conquista il Red Dot Design Award 2024

    Nuovo PEUGEOT E-3008 conquista il Red Dot Design Award 2024

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.