A- A+
Esteri
300 omicidi: Popeye, l'ex braccio destro di Escobar star di Youtube

Ben 112.000 iscritti al suo canale, la maggior parte proveniente dal suo Paese natale: la Colombia. Popeye, il sicario (definito il suo braccio destro) al soldo di Pablo Escobar, signore della droga colombiana, capo del cartello di Medellin, è diventato una vera star su Youtube. Un canale lanciato ad agosto del 2015, pulpito dal quale John Jairo Vasquez Velasquez, definendosi "un autentico pentito", lancia messaggi contro la violenza.  

A metà 2014 era stato liberato (con una cauzione di nove milioni di pesos colombiani, 3.500 euro) dopo 22 anni di carcere. Con tremila omicidi pianificati e 300 eseguiti di persona, tra gli anni '80 e '90, tra cui sua moglie, Vasquez è stato condannato per un unico omicidio, quello del candidato alla presidenza Luis Carlos Galan. 

Popeye, è stato il più efferato killer di Escobar e la sua scarcerazione ha suscitato numerose polemiche a Bogotà. E ora l'indignazione delle famiglie delle sue vittime, scioccate per la notorietà raggiunta dall'ex braccio destro di Escobar attraverso il web. 

Tags:
braccio destro di pablo escobar star di youtube
in evidenza
Wanda Nara-Icardi di nuovo insieme... in un reality

"Ci sarà anche Maxi Lopez"

Wanda Nara-Icardi di nuovo insieme... in un reality


in vetrina
Finanza agevolata e promozioni, Simest supporta le imprese colpite dalla guerra

Finanza agevolata e promozioni, Simest supporta le imprese colpite dalla guerra


motori
Nuove Alpine A110 R, progettata per la pista omologata per la strada

Nuove Alpine A110 R, progettata per la pista omologata per la strada

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.