A- A+
Esteri
300 omicidi: Popeye, l'ex braccio destro di Escobar star di Youtube

Ben 112.000 iscritti al suo canale, la maggior parte proveniente dal suo Paese natale: la Colombia. Popeye, il sicario (definito il suo braccio destro) al soldo di Pablo Escobar, signore della droga colombiana, capo del cartello di Medellin, è diventato una vera star su Youtube. Un canale lanciato ad agosto del 2015, pulpito dal quale John Jairo Vasquez Velasquez, definendosi "un autentico pentito", lancia messaggi contro la violenza.  

A metà 2014 era stato liberato (con una cauzione di nove milioni di pesos colombiani, 3.500 euro) dopo 22 anni di carcere. Con tremila omicidi pianificati e 300 eseguiti di persona, tra gli anni '80 e '90, tra cui sua moglie, Vasquez è stato condannato per un unico omicidio, quello del candidato alla presidenza Luis Carlos Galan. 

Popeye, è stato il più efferato killer di Escobar e la sua scarcerazione ha suscitato numerose polemiche a Bogotà. E ora l'indignazione delle famiglie delle sue vittime, scioccate per la notorietà raggiunta dall'ex braccio destro di Escobar attraverso il web. 

Tags:
braccio destro di pablo escobar star di youtube
in evidenza
Iodio, non solo nell'aria di mare Come alimentarsi correttamente

La ricerca sfata i luoghi comuni

Iodio, non solo nell'aria di mare
Come alimentarsi correttamente

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Citroen protagonista alle “giornate europee del patrimonio”

Citroen protagonista alle “giornate europee del patrimonio”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.