A- A+
Esteri
Afghanistan, la fame è il primo incubo degli afgani

E l’incubo provocato dall’arrivo degli “studenti del Corano” in Afghanistan, dopo l’irresponsabile ritiro degli americani dal paese, continua e prende forme sempre più drammatiche. Stile di vita, burqa, stop alla musica, lavoro e diritti delle donne sono già parte integrante della vita degli afgani. Tutto plasmato in un paese dove l’economia è a pezzi in un paese ormai isolato dal mondo.

Immediatamente infatti i paesi occidentali hanno bloccato tutto il sistema di aiuti dedicati allo sviluppo del paese e così la Banca Centrale non ha i mezzi per far muovere il sistema produttivo e commerciale. E così con le banche chiuse, i bancomat non funzionanti gli afgani rimasti non solo sono terrorizzati dalle nuove regole imposte e dall’incubo della imposizione della sharia ma pure dallo spettro della fame.

In realtà nel paese già da prima almeno 40 milioni i di afgani soffrivano la fame, ma adesso il problema interessa praticamente tutti. E anche chi aveva risparmi non non può prelevarli, nemmeno per pagare i beni di prima necessità.

Molti osservatori hanno detto che dopo due settimane dopo l’arrivo dei talebani nel paese già mancavano i carburanti e il cibo. E siccome nessuno aveva messo sotto controllo i prezzi i prodotti essenziali sono aumentati in maniera indiscriminata. Alle stelle olio, farina, riso e, nel vestiario, pure i burqa.

Said Siddiqui, vicepresidente della Camera di commercio e industria di Herat, ha dato la responsabilità di tutto questo al taglio di tutte le importazioni. E il portavoce dei talebani ha chiesto ai paesi,Usa compresi, di mantenere o riportare nel paese le rappresentanze diplomatiche.

Le imprese e gli uffici sono chiusi. In molti casi i proprietari sono semplicemente fuggiti. Nel paese però oltre il 60% della popolazione non ha un’occupazione fissa ma si guadagna da vivere giorno dopo giorno. Questo caos, drammatico per tutti, per questa fascia di popolazione diventa praticamente mortale.

La guerra condotta dai talebani con il governo filo-occidentale nato nel 2001 ha provocato quattro milioni di sfollati interni, di cui mezzo milione dallo scorso gennaio.

Il capo del World Food Programme si è detto estremamente preoccupato per i rischi derivanti dalla carestia, dalla siccità e dal Covid.

E per l’Afghanistan il dramma, purtroppo, è appena iniziato.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    afghanistantalebaniburqacovidfameprezzieconomia
    in evidenza
    CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    Corporate - Il giornale delle imprese

    CDP, ospitato FiCS a Roma
    Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


    casa, immobiliare
    motori
    Con Sensify, Brembo rivoluziona il modo di frenare

    Con Sensify, Brembo rivoluziona il modo di frenare


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.