A- A+
Esteri
Altri 3 miliardi dall’Europa a Erdogan per fermare i migranti

Sarà anche un dittatore per molti o magari un grande uomo politico per pochi ma la Commissione europea sa perfettamente che con Recep Tayyip Erdogan e la Turchia bisogna scendere a patti se, in qualche modo, si vuole mettere sotto controllo il fenomeno dei migranti.

Ed infatti la Commissione Europea ha proposto di offrire 3 miliardi di euro alla Turchia per rinnovare il patto che contribuisce a mantenere quattro milioni di profughi siriani sul suolo turco.

L'offerta multimilionaria al governo sarà analizzata oggi al vertice europeo di Bruxelles. Dall’inizio della crisi migratoria nel 2015 sono stati dati 7.4 miliardi di euro prevedendo di arrivare a oltre 10 miliardi entro il 2024.

L'aumento degli aiuti alla Turchia coincide con la spinta dell'UE ad aumentare la collaborazione tra i paesi di origine e transito della migrazione irregolare. E arriva poche settimane dopo che il Marocco ha provocato una grave e improvvisa crisi al confine europeo di Ceuta consentendo l'uscita di migliaia di persone senza alcun controllo.

Se questa proposta venisse accettata la Turchia riceverebbe 3 miliardi e Giordania, Siria e Libano, 2.2 miliardi. La Commissione è convinta che le somme "possano soddisfare i bisogni più urgenti dei rifugiati e delle comunità di accoglienza, in particolare nei servizi sanitari e nell'istruzione, nella protezione sociale, nello sviluppo delle competenze e nella creazione di opportunità di lavoro”.

Nel documento si legge che la Turchia ospita 3,7 milioni di rifugiati siriani, sostenuti in parte con lo strumento europeo per i rifugiati in Turchia, varato nel 2016 e dotato di 6 miliardi di euro.

Questo strumento, che ha già erogato 4.1 miliardi di euro copre il periodo 2016-2019 e il governo turco ne chiede da mesi un'estensione. E Ankara fa pressione allentando il controllo alle frontiere. A gennaio e febbraio 2020 gli arrivi irregolari in Grecia dalla Turchia sono aumentati rispettivamente del 49% e del 22%. A marzo, le autorità turche hanno annunciato che non controllavano più i confini, causando l'insediamento di un'ondata di 25.000 rifugiati vicino al territorio greco in pochi giorni.

L'UE ha risposto alla sfida schierando forze dell'Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera (Frontex) per aiutare le autorità turche a proteggere senza tante cerimonie i confini del loro territorio. La crisi improvvisa si è placata. Da allora Ankara ha temperato il proprio atteggiamento, non solo per l'offerta europea ma anche in risposta al riallineamento geostrategico che ha innescato l'arrivo alla Casa Bianca del presidente Joe Biden in sostituzione di Donald Trump. Ma il paese di Erdogan ha sempre il “coltello dalla parte del manico” e fa pressione all’Europa che ancora rimane sostanzialmente divisa.

Commenti
    Tags:
    erdogandittatoremigranticeuta





    in evidenza
    Iran, ecco Raisi prima dell'incidente fatale in elicottero: le foto del leader e del suo entourage

    Ultimi scatti prima dello schianto

    Iran, ecco Raisi prima dell'incidente fatale in elicottero: le foto del leader e del suo entourage

    
    in vetrina
    Annalisa, "la lingua era nella sua gola...". Quando ha rischiato di morire

    Annalisa, "la lingua era nella sua gola...". Quando ha rischiato di morire


    motori
    Škoda nuova Octavia: nuovo design, tecnologia AI e motori efficienti

    Škoda nuova Octavia: nuovo design, tecnologia AI e motori efficienti

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.