A- A+
Esteri
Anche la Turchia contro l'Isis, che intanto conquista Kobane

Il Parlamento turco ha approvato la mozione del governo che apre alla possibilità di inviare truppe in Iraq e Siria per fronteggiare l'Isis e "ogni altra formazione terrorista". Lo affermano i media arabi. Alle operazioni parteciperà anche l'Australia: il governo ha infatti autorizzato i raid contro lo Stato islamico in Iraq e il dispiegamento di "truppe speciali per assistere le forze irachene a pianificare e coordinare le operazioni ma non per partecipare direttamente a missioni militari". Nell'annunciare la decisione il premier Tony Abbott sottolineando che i terroristi dell'Is "hanno dichiarato guerra al mondo e devono essere fermati".

In Siria le milizie dell'Is avanzano dalle aree ad est di Aleppo e hanno circondato completamente la città di Kobane, la terza città curda. Alcune centinaia di membri delle milizie di autodifesa curde (Ypg) oppongono un'accanita resistenza rimanendo asserragliati nella città, da cui nei giorni scorsi 160.000 civili sono fuggiti cercando scampo in territorio turco.

Tags:
turchiaisis
in evidenza
Imprese colpite dalla guerra SIMEST lancia una campagna aiuti

Ucraina

Imprese colpite dalla guerra
SIMEST lancia una campagna aiuti


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Dacia, dai colori e dai materiali nascono i valori della marca

Dacia, dai colori e dai materiali nascono i valori della marca

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.