A- A+
Esteri
Attentato a Kabul, autobomba fuori da una scuola per ragazze: oltre 50 morti
(fonte Lapresse )

E' arrivato a oltre 50 vittime il bilancio dei morti causati dalle diverse esplosioni avvenute sabato all'esterno di una scuola per ragazze a Kabul, e oltre 100 le persone rimaste ferite. Lo riferisce Tolo News. La scuola, situata nel quartiere Dasht-e-Barchi, abitato principalmente dalla minoranza sciita hazara, era un liceo frequentato da ragazzi e ragazze, che studiano in tre diverse fasce orarie, la seconda delle quali era quella delle ragazze. L'attentato e' stato il piu' sanguinoso dell'ultimo anno e insanguina l'inizio del ritiro dei 2500 ultimi soldati americani nel Paese. Il portavoce del ministero dell'Interno Tareq Arian ha spiegato qualcosa in piu' della dinamica: prima e' esplosa un'autobomba dinanzi alla scuola Sayed Al-Shuhada, poi quando le ragazze sono corse fuori in preda al panico sono esplosi altri due dispositivi. La maggior parte delle vittime -ha confermato il governo- erano studentesse. 

Afghanistan, Papa: "Attentato disumano, prego per le ragazze"

Preghiamo "per le vittime dell'attentato terroristico avvenuto ieri a Kabul, un'azione disumana che ha colpito tante ragazzine mentre uscivano da scuola. Preghiamo per ognuna di loro e per le loro famiglie. E che Dio doni pace all'Afghanistan": e' l'invito rivolto ai fedeli da Papa Francesco al termine del Regina Caeli, ricordando la strage in quartiere abitato dalla minoranza hazara. 

Papa Francesco ha anche pregato per la Colombia: "Vorrei esprimere la mia preoccupazioni per le tensioni e gli scontri violenti in Colombia che hanno provocato morti e feriti. Ci sono tanti colombiani qui - ha detto rivolgendosi ai fedeli in piazza San Pietro - preghiamo per la vostra patria". 

Kabul, l'Unicef condanna l'attentato: "Inaccettabile violenza nelle scuole"

"L'Unicef condanna fermamente il terribile attacco di ieri vicino alla scuola superiore Sayed Ul-Shuhada, a Kabul, in Afghanistan''. Lo dichiara Henrietta Fore, direttore generale del Fondo per l'infanzia delle Nazioni Unite, all'indomani delle esplosioni nella zona di Etifaq della capitale afghana, un attacco che ''è costato la vita a decine di studenti, per lo più ragazze, e ha ferito gravemente molti altri''. ''La violenza nelle scuole o vicino ad esse è inaccettabile -ribadisce Fore - Le scuole devono essere oasi di pace dove i bambini possono giocare, imparare e socializzare in sicurezza. I bambini non devono mai essere obiettivi di violenza. L'Unicef continua a chiedere a tutte le parti in conflitto di rispettare i diritti umani internazionali e il diritto umanitario e di garantire la sicurezza e la protezione di tutti i bambini''.

Commenti
    Tags:
    attentatokabulafghanistan





    in evidenza
    Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce

    La coppia più famosa del giornalismo

    Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce

    
    in vetrina
    Testamento, Raffaella Carrà senza figli: ecco a chi va la ricca eredità

    Testamento, Raffaella Carrà senza figli: ecco a chi va la ricca eredità


    motori
    Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

    Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.