A- A+
Esteri
Brasile, le varianti killer minacciano l'Europa. Nel Paese contagi alle stelle
La Presse

Il Brasile è uno dei paesi che maggiormente ha pagato un tributo molto alto al Covid. Secondo gli ultimi dati ufficiali forniti dal CONASS, il Consiglio Nazionale della Sanità, con i 1.347 morti di ieri si è giunti ad un totale di quasi 375 mila vittime e poco meno di 14 milioni di contagiati.

Il sistema sanitario è al collasso. Mancano i posti letto nelle strutture ospedaliere ma la cosa davvero grave è che mancano i sedativi. Ciò costringe il personale medico ad intubare i pazienti più gravi senza sedarli, aggiungendo sofferenza alla sofferenza. Una pratica aberrante ma necessaria. E non possiamo nemmeno dimenticare le immagini dei cimiteri, anch'essi al collasso e non più in grado di ricevere nuovi corpi da seppellire. La situazione è davvero molto, molto complessa, nonostante le blande rassicurazioni del Presidente Jair Bolsonaro, che fin dai primi tempi della pandemia ha tentato di minimizzare ciò che stava accadendo. Ma i numeri sono tremendi e sono sotto gli occhi di tutti.

Con una popolazione totale di circa 211 milioni di abitanti, il Brasile non è un Paese poco popolato, anzi è il più grande del Sudamerica, e le vittime del Covid possono sembrare relativamente poche. Ma non è così. Molte di loro potevano essere curate e salvate se il sistema sanitario avesse tenuto. Se non fosse andato subito in crisi. Se avesse avuto a disposizione strumenti adatti a tamponare la tragedia. E di certo il totale dei morti è superiore, forse molto superiore, rispetto a quello dichiarato dalle autorità. Alcune popolazioni indigene dell'Amazzonia sono state decimate, ma non tutte le vittime sono state conteggiate. Non c'è bisogno di inoltrarsi nella foresta per capire che i dati sono al ribasso: anche gli abitanti delle favelas, gli ultimi, quelli emarginati dalla società, i reietti, sono morti a centinaia, senza nemmeno sapere di cosa morivano.

D'altronde, proprio il controllo dei grandi slum delle città brasiliane è molto difficile. Solo da qualche giorno il personale sanitario riesce ad entrare per vaccinare la popolazione. E nelle favelas, poi, la popolazione non è stata ligia ai doveri di proteggersi con mascherine e altri dispositivi: lì il problema quotidiano è procurarsi il pasto da mettere in tavola a pranzo e cena.

Nel frattempo, la campagna vaccinale è iniziata anche se a rilento, ma i contagi sono in forte aumento. Il virus in quella terra è particolarmente subdolo. Una variante conosciuta come variante brasiliana (P1) scoperta a Manaus si è diffusa in una trentina di Paesi del mondo, Italia compresa. Questa variante sembra essere letale più delle altre. Poi, c'è la seconda variante, un'evoluzione della P1, che i ricercatori brasiliani e internazionali stanno ancora studiando. Ma la vera paura è che il Paese possa essere un serbatoio di varianti quasi infinito. Per queste ragioni la comunità internazionale, soprattutto in Europa, sta cercando di bloccare i voli in arrivo da Brasile. Non è semplice anche se oggi nel nostro vecchio continente le autorità aeroportuali fanno controlli serrati su passeggeri e scali.

L'area della capitale San Paolo, ricca e moderna, è stata la più colpita in questo anno: poco meno di 3 milioni di casi accertati e 90mila morti. E anche in questo caso vale il discorso delle stime al ribasso. A Rio de Janeiro dove la socialità ha un ruolo fondamentale nella vita quotidiana dei cittadini, le vittime sarebbero quasi 42mila. Meno della capitale ma il tasso di mortalità in questa città è il più alto del Paese: 5.9% contro una media del 3.2% delle altre provincie.

Commenti
    Tags:
    brasilecovidcoronavirusvariante brasiliana





    in evidenza
    Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi

    Guarda le immagini

    Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi

    
    in vetrina
    Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo

    Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo


    motori
    Citroën inaugura a Parigi “Le Chëvron” per presentate la nuova e-C3

    Citroën inaugura a Parigi “Le Chëvron” per presentate la nuova e-C3

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.