A- A+
Esteri
Scaroni: la Brexit? Shock salutare per l'Ue

“Chi veramente sognava un'Europa unita dovrebbe sognare il Brexit”, questa la dichiarazione di Paolo Scaroni, deputy chairman di Rotschild, intervistato a Mix24 di Giovanni Minoli su Radio 24. Scaroni poi prosegue rispondendo al giornalista che chiede se il Brexit, potrebbe essere uno shock salutare: “Potrebbe essere uno shock salutare senz'altro sul terreno proprio dell'integrazione ulteriore dell'Europa, se no rimarremo impantanati come siamo da tempo, venendo accusati, appunto, di decidere soltanto la forma delle banane o fatti del tutto burocratici senza costruire nulla sul piano politico”. E quindi alla fine quello che sembra un incubo, cioè quello del Brexit, potrebbe diventare un'opportunità per l'Europa sottolinea Minoli su radio 24 e Scaroni afferma: “Potrebbe diventare un'opportunità anche se potrebbe dare il via a un processo di disgregazione dell'Europa dei 28” e prosegue sollecitato dal conduttore sull’ipotesi di riaggregazione di un'altra Europa: “Esatto. Potrebbe essere la riaggregazione di un'altra Europa, magari intorno ai sei Paesi fondatori, compresa l’Italia”.  in chiusura conferma anche, sollecitato da Minoli sull’opportunità per l'Italia i per rinsaldare e per giocare un ruolo nuovo nella nuova Europa: “Sì, in questo senso sì, sicuramente”.

“Ma io credo che sarebbe peggio per la Gran Bretagna, soprattutto per Londra” questo il pensiero di Paolo Scaroni in merito a chi tra Europa e Gran Bretagna sarebbe svantaggiato in caso si realizzasse l’ipotesi Brexit e spiega: “Londra è il centro finanziario dell’Europa, tant’è vero che io passo il mio tempo proprio lì, e probabilmente una Gran Bretagna fuori dall’Unione europea darebbe fiato a Francoforte o a Parigi per rimpiazzare Londra come centro della finanza dell’Unione europea”. Quindi le conseguenze principali per la Gran Bretagna sono quelle, sarebbero quelle insiste Minoli e Scaroni conferma: “Esatto, io penso così”.

“Non vogliono essere condizionati in nessun modo da Bruxelles su niente e poi, almeno sul terreno del voto, il vero tema che porta la gente a votare per l'Exit è la paura dell'immigrazione. Soltanto l'idea di avere qualcuno a Bruxelles che impone quote di immigrati ai differenti Paesi, compresa la Gran Bretagna, spaventa molto gli inglesi, i quali su questo terreno non vogliono nessun condizionamento da parte di nessuno”. Così Paolo Scaroni risponde al giornalista che chiede cosa vorrebbero gli inglesi che hanno già tutto, una loro Banca Centrale, la sterlina, Westminster e la Regina. 

“Siccome Draghi non si occupa di Europa, ma si occupa dell'Euro e la Gran Bretagna non fa parte dell'Euro, credo che il tema non lo riguardi di prima battuta, poi lo riguarda come riguarda tutti noi per ragioni politiche, ma lui è responsabile dell'Euro e mi pare che su questo terreno abbia abbastanza da fare senza preoccuparsi del Brexit”, così Paolo Scaroni commenta la posizione di Draghi rispetti al referendum. Draghi ha sempre detto che l'Euro è un progetto irreversibile, sottolinea a questo punto Minoli su Radio 24 sottolineando anche in caso di Brexit e Scaroni risponde: “Direi ancora di più in caso di Brexit, perché l'Euro diventerebbe il cemento per gran parte dell'Europa, per i grandi Paesi dell'Europa che l'Euro lo hanno adottato”.

"Brexit perderà". La pensa così Paolo Scaroni e risponde a Minoli che domanda se la Londra degli affari sia nettamente schierata contro il Brexit: “Sì, guardi. Allora, le dico un po' come la vedo io. Sicuramente, le dico, qui mi lancio in una previsione, il Brexit perderà. E perderà perché, come diceva Napoleone, gli inglesi sono una nazione di bottegai. E quando vanno a votare non votano con cuore, votano col portafoglio. Allora per il portafoglio il Brexit sarebbe un disastro e, quindi, voteranno a favore di rimanere nell'Unione Europea”.

Tags:
brexit scaroni
in evidenza
La confessione di Francesca Neri "Sono una traditrice seriale"

Guarda la gallery

La confessione di Francesca Neri
"Sono una traditrice seriale"

i più visti
in vetrina
Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa

Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa


casa, immobiliare
motori
Nuova Opel Astra, inizia una nuova era

Nuova Opel Astra, inizia una nuova era


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.