A- A+
Esteri

“La Cannabis colombiana ha dichiarato guerra al commercio di Canada e Stati Uniti” è questo il senso della nuova legge sull’export della cannabis che il presidente colombiano Iván Duque ha promosso sostenendo che il paese comincia a giocare da protagonista sul mercato mondiale da protagonista.

 

Grazie a questa nuova legge, più permissiva, la Colombia diventerà uno dei primi paesi al mondo a consentire l'esportazione della cannabis nella sua forma più essenziale: il fiore.

Il valore di questa legge puo’ essere misurato solo in miliardi di dollari e aprirà una concorrenza spietata soprattutto con il Canada.

Il Canada, primo esportatore mondiale, è l'unico paese al mondo in cui la cannabis, che può essere utilizzata per i suoi effetti psicotropi, è completamente legale. Stati Uniti, Portogallo e Australia hanno ancora legislazioni parziali.

 

Inoltre la Colombia, oltre ad avere condizioni climatiche favorevoli quasi 365 giorni all'anno, può produrre cannabis medicinale ad un costo enormemente più basso di quello che costa ai coltivatori canadesi.

La nuova legge pone fine ad un severo regolamento del 2016 che contemplava usi medicinali e scientifici attraverso licenze rilasciate dai Ministeri della Salute e della Giustizia. Ma rimanevano i divieti sulle foglie essiccate per timore del traffico illegale.

Duque ha firmato il 23 luglio il decreto sull'accesso sicuro e informato all'uso medico e scientifico della cannabis. Pertanto, ha dato il via libera alla produzione di tessuti, alimenti o bevande a base di cannabis.

Ma la novità più grande del decreto legge è che consente all'industria di esportare il fiore essiccato della pianta, la forma di cannabis che può essere utilizzata al meglio e ha un mercato che supera il 50% delle vendite di cannabis medicinale nel mondo. Il regolamento consente inoltre al fiore di essere lavorato e trasformato nelle zone franche.

 

La Colombia inizia così con il vantaggio delle sue condizioni climatiche, che includono un'irradiazione solare privilegiata, con 12 ore di luce naturale e meno fluttuazioni di temperatura e umidità. Anche i costi operativi sono piuttosto bassi che altrove, soprattutto sulla manodopera. Coltivare un grammo può costare fino a sei centesimi, mentre in Canada o negli Stati Uniti fino a $ 1,89. Inoltre, la Colombia è il secondo esportatore di fiori al mondo, dietro ai Paesi Bassi, e può utilizzare tale esperienza per la nuova industria.

La promessa della cannabis ha attirato più di 500 milioni di dollari in investimenti diretti esteri in Colombia e il paese ha il potenziale per diventare leader mondiale in un'industria ad alto valore aggiunto, sia nei derivati ​​del fiore che nel fiore stesso.

Il potenziale macroeconomico è enorme. L'anno scorso, le esportazioni colombiane di cannabis medica sono state più di 5 milioni di dollari, ma entro il 2030 potrebbero superare 1,7 miliardi, secondo le proiezioni di ProColombia, l'agenzia governativa per la promozione degli affari. Uno scenario di prezzi più ottimistico punta a oltre 2.500 milioni di dollari, che supererebbero addirittura quelli del caffè, primo prodotto del Paese nelle esportazioni di energia non mineraria. Ciò si tradurrebbe in 44.000 posti di lavoro per allora.

Gli imprenditori del settore confermano che "Questa è un'opportunità d'oro per le aziende che operano in Colombia. Il paese ha la capacità di produrre un fiore di alta qualità a costi molto competitivi e ha la possibilità di sconvolgere il mercato globale”.

 

Commenti
    Tags:
    cannabisusacolombiacanada





    in evidenza
    Caso gioielli, Scotti punge Fagnani: “Belva addomesticata? Devi fare i nomi”

    La conduttrice vs Striscia la Notizia

    Caso gioielli, Scotti punge Fagnani: “Belva addomesticata? Devi fare i nomi”

    
    in vetrina
    Affari in Rete

    Affari in Rete


    motori
    Lamborghini Urus SE: l'icona dei super SUV diventa ibrida

    Lamborghini Urus SE: l'icona dei super SUV diventa ibrida

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.