A- A+
Esteri
tibet

La polizia cinese ha aperto il fuoco su un gruppo di manifestanti in Tibet, ferendone una sessantina: lo hanno denunciato alcune ong all'estero, secondo cui la repressione contro i tibetani e' aumentata. Secondo Free Tibet, un gruppo di persone domenica si era radunato nella contea di Binu per chiedere la liberazione di un uomo arrestato per essersi rifiutato di issare la bandiera cinese il giorno della Festa Nazionale, il primo di ottobre. "Le forze di sicurezza hanno cominciato a picchiare i tibetani, causando gravi ferite, hanno lanciato gas lacrimogeni e sparato indiscriminatamente contro la folla". Un'altra ong, Campagna Internazionale per il Tibet, ha confermato che ci sono stati una sessantina di feriti.

Frecciata acuminata di Barack Obama ai repubblicani nel corso della conferenza stampa dedicata allo 'shutdown', e al pericolo di un default negli Stati Uniti. Il presidente americano ha ricordato come, a causa della crisi, sia stato costretto ad annullare la propria partecipazione a due cruciali summit in Estremo Oriente, previsti in settimana: quello sull'isola indonesiana di Bali dell'Apec, il forum per la Cooperazione Economica Asia-Pacifico, e quello nel Brunei dell'Asean, l'Associazione delle Nazioni del Sud-Est Asiatico. Obama aveva gia' dovuto inoltre cancellare altrettante visite ufficiali in Malaysia e nelle Filippine.

L'assenza da tali appuntamenti, ha osservato, con ogni probabilita' non produrra' "danni duraturi". Pero' sarebbe stato di gran lunga meglio se il capo della Casa Bianca vi avesse potuto presenziare, essendovi in ballo precisi interessi economico-commerciali. "Sono certo", ha ironizzato, "che ai cinesi non importa granche' che io non ci sia, nel senso che esistono settori nei quali abbiamo divergenze con loro, e adesso potranno esporre il proprio punto di vista senza incontrare tanta resistenza quanta se ne sarebbe potuta opporre se io ci fossi stato", ha denunciato Obama. "Dal momento che mi sono dovuto scusare con alcuni dei Paesi ospitanti", ha proseguito, "posso comunque assicurarvi come essi comprendano che la cosa piu' importante che posso fare per loro, e quella piu' importante che posso fare per i rapporti bilaterali dell'America, consista nel garantire che riattiviamo il nostro governo federale, e che evitiamo di diventare inadempienti".

Tags:
cinaonutibetani
in evidenza
"Governo ma non troppo..." Crozza imita Speranza. VIDEO

Spettacoli

"Governo ma non troppo..."
Crozza imita Speranza. VIDEO

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
CUPRA Born,ordinabile in Italia

CUPRA Born,ordinabile in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.