A- A+
Esteri
Conte da Trump alla Casa Bianca.Il premier: "Entrambi governi del cambiamento"

 "Io e Conte siamo entrambi outsider della politica. Dobbiamo difendere i sogni dei nostr cittadini". "Il mio governo e quello di Trump accomunati dall’essere governi del Cambiamento, eletti dai cittadini".  Scambio di cortesie fra Giuseppe Conte in visita alla Casa Bianca e il presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Conte e Trump dopo la firma del Libro degli ospiti nella Roosevelt Room, si sono spostati nello Studio Ovale per un faccia a faccia al quale è seguito il bilaterale allargato alle rispettive delegazioni.

Trump durante le foto di rito ha dettto che " Conte è un  uomo che sta facendo un lavoro fantastico". In particolare sull'immigrazione. "Sono molto d'accordo con quello che state facendo sull'immigrazione legale e illegale. Anche altri paesi europei dovrebbero fare altrettanto",  ha aggiunto il presidente degli Stati Uniti". Anche se, "alcuni Paesi hanno preso questa posizione un po' di tempo fa e stanno facendo molto meglio". Comunque, secondo il presidente americano fra lui e Conte è nata "un'amicizia nel corso del G7 e di alcune telefonate".

Trump ha anche spiegato che si sarebbe parlato di "confini e di commericio". E ha messo sul tavolo il problema del deficit commerciale, "Come sempre abbiamo un grosso deficit commerciale con l'italia, 31 miliardi di dollari, lavoreremo su questo" insieme al governo guidato dal presidente del Consiglio, Guseppe Conte". "Abbiamo molto di cui parlare, che riguarda il commercio e il settore militare. Voi state ordinando aerei, molti aerei", ha insistito Trump- . "Per me è un grande onore essere qui", ha replicato il premier italiano prima di ientrare nello Studio Ovale dove lo attendevano anche il Consigliere per la Sicurezza nazionale John Bolton, John Kelly, capo di gabinetto della Casa Bianca, e la portavoce Sarah Sanders.

 

 

Secondo le indiscrezioni, il governo italiano avrebbe ottenuto il via libera di Trump per la creazione di una cabina di regia italo-americana per tentare di stabilizzare la Libia. Sarebbe il principale risultato dell'incontro fra il presidente americano e Conte. L'Italia avrebbe ricevuto garanzie nche sui dazi e gli scambi commerciali frai due paesi.

L'obiettivo di Conte era ottenere garanzie che gli interessi delle aziende italiane non vengano toccati, con particolare riferimento ai prodotti dell'agroalimentare. Uno dei punti salienti del colloquio sarebbe stato il destino della Libia.

Fonti governative italiane fanno sapere che nascera la cabina di regia e che l'Italia potrà contare anche sull'appoggio degli Usa per la Conferenza sulla Libia che sii dovrebbe tenere nel nostro paese , Un appuntamento che può rappresentare un passaggio cruciale nel processo di messa a punto delle condizioni politiche, legali e di sicurezza indispensabili per lo svolgimento delle prossime elezioni politiche e presidenziali libiche.

Tags:
trump conte
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Peugeot rinnova la gamma 508

Peugeot rinnova la gamma 508


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.