A- A+
Esteri

L'esercito nordcoreano "si divise profondamente" quando dovette accettare il comando di Kim Jong-un e ancora adesso il giovane leader fatica a controllarlo, perche' ci sono malumori tra i militari. Lo raccontano un ex ufficiale e un'ex spia di Pyongyang, entrambi fuggiti dall'elusivo regime, secondo i quali la spaccatura nell'esercito e il conseguente tentativo del giovane leader di trovare una legittimazione potrebbero essere all'origine dell'attuale escalation bellicista.

Il quotidiano britannico Telegraph e' riuscito a contattare un ex ufficiale dell'esercito nordcoreano, identificato solo con il nome Kim, attualmente nascosto in Cina, nella citta' di Dandong, poco oltre il confine, e in attesa di trovare un modo per trasferirsi in Corea del Sud. Kim ha raccontato di aver abbandonato la Corea del Nord due anni fa dopo aver ucciso un ufficiale rivale, proprio nell'ambito della lotta tra fazioni all'interno dell'esercito. Lo scontro avvenne alla fine del 2011, poco prima che Kim Jong-un succedette al padre come 'comandante supremo' dell'esercito, una forza di 1,2 milioni di uomini, che rimane il cuore pulsante della societa' nordcoreana essenzialmente militare. "Era prima che arrivasse al potere, ma tutti sapevamo da tempo che sarebbe diventato il capo. E c'erano un sacco di persone contro di lui, ma gli appartenenti a quella fazione finirono tutti arrestati quando arrivo' al potere".

Un affresco molto simile arriva da una ex spia nord-coreana, che oggi vive a Seul in una localita' scononsciuta e sotto protezione: Kim Hyun-Hee e' la donna alla quale il padre dell'attuale dittatore, Kim Jong-il, ordino' di piazzare un ordigno su un aereo di linea sudcoreano, un attentato che costo' la vita a 187 persone. "Kim Jong-un e' troppo giovane ed inesperto", ha detto in un'intervista all'Abc. "Sta lottando per avere il controllo completo sui militari e conquistare la loro fedelta'; ed ecco perche' fa cosi' tante visite nelle basi militari, per assicurarsi il loro sostegno".

 


La spia nordcoreana piazzo' una bomba ad orologeria sull'aereo e poi scese dal velivolo durante una sosta nel Golfo; ma fu arrestata insieme ad un altro agente mentre cercava di lasciare il Bahrein con passaporti falsi giapponesi: entrambi inghiottirono capsule di cianuro, l'uomo mori' quasi immediatamente, ma Kim sopravvisse, fu portata a Seul, dove confesso' e alla fine fu perdonata. L'ex spia, che ha sposato una delle sue guardie del corpo, ha raccontato la sua storia in un libro autobiografico in cui descrive anche la sua formazione in una scuola di spie nordcoreane; e ha donato il ricavato delle vendite alle famiglie delle vittime dell'attentato. La divisione all'interno dell'esercito e il desiderio di un leader, appena 30enne, di consolidare il suo potere potrebbero essere all'origine dell'attuale campagna di aggressione, scrive il quotidiano. "Piu' ci si addentra nel nord, piu' aumentano le voci di dissenso e divisioni su chi e' o dovrebbe essere il leader migliore", ha aggiunto Joseph Bermudez, analista di questioni nordcoreane presso DigitalGlobe.

L'anno scorso tra l'altro erano circolate voci che raccontavano di uno scontro tra due principali reparti dell'esercito; scontro che aveva a tal punto allarmato Kim da mettere in moto un profondo rimescolamento al vertice del potere militare (furono rimossi alcuni generali e imposti altri, che evidentemente il giovane leader considerava piu' fedeli).

Tags:
coreagovernoesuli
in evidenza
Jo Squillo in burqa per le donne La protesta scade nel ridicolo

GF VIP 2021

Jo Squillo in burqa per le donne
La protesta scade nel ridicolo

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.