A- A+
Esteri
Corea, giochi di pace tra Seul e Pyongyang: dal ping pong all'hockey

Mentre il Segretario americano non molla la presa sulla Corea del Nord affermando senza mezzi termini che ‘ gli Stati Uniti non accetteranno mai una Corea del Nord con armi nucleari, anche se si rimane sempre aperti a negoziati seri’, in una piccola città’ di frontiera, Panmunjong, situata al centro della zona demilitarizzata tra le due Coree, i dirigenti sportivi dei due Paesi hanno trovato, a sorpresa, un accordo che profuma di pace. Panmunjong non e’ stata una scelta a caso perche’ rappresenta un simbolo storico forte, fu proprio in questa città’ che, nel 1953, venne firmato l’armistizio della guerra di Corea.

Giochi di pace in Corea. Un accordo per i giochi olimpici invernali

L’ accordo siglato riguarda i giochi olimpici invernali che inizieranno il 9 febbraio a Pyeongchang. Ancora una volta potrebbe essere proprio lo sport ad avere il potere di abbattere muri ritenuti insormontabili anche per le più’ raffinate diplomazie. Ma la storia insegna e si ripete. Negli anni ’70 la diplomazia cosiddetta del ‘ping pong’ permise la distensione tra Usa e Repubblica Popolare Cinese. Gli scambi di viaggi tra sportivi dei due paesi per giocare al tennis da tavolo aprì le porte , nel '72, alla visita in Cina del Presidente americano Richard Nixon. Ed ora potrebbe essere un altro sport, l’hockey sul ghiaccio, a ‘sgelare’ rapporti da tempo deteriorati e arrivati a livelli pericolosi.

Giochi di pace in Corea. L’hockey su ghiaccio per sgelare i rapporti

L’accordo prevede che le squadre femminili di hockey sul ghiaccio delle due Coree possano sfilare insieme nella cerimonia di apertura sotto un’unica bandiera, quella virtuale ma significativa della riunificazione. Sembra impossibile ma i portavoce dei due paesi sono riusciti a stilare una dichiarazione comune in cui si afferma che la ‘ Corea del Nord ha accettato la proposta di dialogo ed entrambi i Paesi sono stati d’accordo nel perseguire questo momento sportivo, ritenendolo un qualcosa di utile da non disperdere’. Certo un qualcosa da non disperdere, inimmaginabile solo un paio di mesi fa.

Giochi di pace in Corea. Venti di guerra a Toronto

Se nella penisola coreana si cerca di parlare di pace soprattutto attraverso lo sport, a Toronto, in una riunione indetta da Usa e Canada e a cui erano stati invitati una ventina di Paesi, Italia compresa, si e’ invece discusso di ben altro. Si e’ discusso di come incrementare le misure di boicottaggio contro il regime del giovane dittatore Kim Jong-un. Misure che potrebbero persino ipotizzare ulteriori controlli sulle navi coreane. Una decisione che, se presa, potrebbe essere percepita come una dichiarazione di guerra. Fortunatamente pero’ i due player più’ importanti sullo scacchiere insieme a Stati Uniti, cioè’ Cina e Russia, tenuti fuori dalla partita, non hanno tardato a dichiarare che un simile incontro, senza di loro, non avrebbe ne valore legale ne’ tantomeno valore politico. Due diversi modi di intendere l’avvicinamento alla pace. La speranza e’ che siano i muscoli degli sportivi ad avere la meglio sui muscoli dei soldati e di tutto quello che, a questi ultimi, si affianca.

Tags:
corea del nord
in evidenza
Iodio, non solo nell'aria di mare Come alimentarsi correttamente

La ricerca sfata i luoghi comuni

Iodio, non solo nell'aria di mare
Come alimentarsi correttamente

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Citroen protagonista alle “giornate europee del patrimonio”

Citroen protagonista alle “giornate europee del patrimonio”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.