A- A+
Esteri

 

Non solo spiati su telefono e web. Il programma di sorveglianza dell'intelligence statunitense comprende anche le informazioni generiche. Centinaia di migliaia di americani sospettati di attività criminali o sovversive - ma anche innocenti vittime di reati - rischiano di essere 'schedati' a vita, col loro Dna conservato presso i laboratori di decine di agenzie locali di polizia. E in molti senza neanche saperlo. E' l'allarme del New York Times.

Secondo il quotidiano statunitense, un numero crescente di corpi di polizia in tutti gli Stati Uniti starebbe realizzando proprie banche dati del Dna di potenziali sospettati, in alcuni casi senza che i donatori ne siano a conoscenza. Si tratta di una attività, scrive il New York Times, che sta procedendo con discrezione e che avvicina le varie polizie locali Usa ad un campo che fino ad ora era di competenza dell'Fbi. Questo, in un momento di particolare sensibilità per il tema della privacy, dopo la recente rivelazione dell'esistenza del programma segreto di intercettazioni Prism gestito dalla Nsa.

La tendenza, fa notare il quotidiano Usa, è destinata ad accelerare dopo la recente sentenza della Corte Suprema che ha confermato la legittimità di una norma approvata in Maryland, che consente alle autorità dello stato di raccogliere campioni di Dna dalle persone arrestate per crimini gravi. Le banche dati 'locali', scrive il Nyt, vengono gestite in base a regole proprie, consentendo ai corpi di polizia margini di manovra più ampi rispetto ai regolamenti a livello statale e federale.

In alcuni casi, prosegue il quotidiano, vengono raccolti campioni di Dna non solo appartenenti a persone condannate o arrestate per crimini gravi, ma anche appartenenti alle vittime di questi reati, senza che queste siano consapevoli che le informazioni raccolte potrebbero essere usate per ricerche future.

Spesso, denuncia ancora il quotidiano, il Dna viene fornito da alcuni imputati nell'ambito di un patteggiamento della pena o in cambio di uno sconto sul fronte dei capi di accusa e della condanna.
 

 

Tags:
datagate
in evidenza
Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

Tra mobilità e sostenibilità

Automotive, da ALD la svolta
Arrivano nuove soluzioni green


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Opel Astra GSe: l’Astra più sportiva è ibrida plug-in

Opel Astra GSe: l’Astra più sportiva è ibrida plug-in

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.