A- A+
Esteri
Desaparecidos, due esperti contestano l'opera che scagiona il Papa: "Parziale"
Argentina, Papa Francesco. Foto Lapresse

Bergoglio e il suo passato argentino, i documenti che lo scagionano 

Nonostante sia stato accertato che l'allora sacerdote di Buenos Aires Bergoglio non fosse coinvolto, si continua a insinuare un suo ruolo nella drammatica vicenda dei desaparecidos in argentina, evento tragico avvenuto tra il 1976 e il 1983, quando al potere c'erano i militari e il Paese era sotto una dittatura. Due esperti teologi contestano l'opera in tre volumi "La verità vi farà liberi", pubblicata da un gruppo di studiosi argentini, da cui emergerebbe che la Chiesa argentina fosse a conoscenza dei brutali metodi dei militari, che sequestravano e facevano sparire nel nulla gli oppositori. Ma sulla presunta complicità – ovvero "la partecipazione a un'azione criminosa o riprovevole dal punto di vista morale" (questa la definizione della parola) –, non è dimostrata dai documenti. Chiaro è, invece, che Jorge Mario Bergoglio non ha avuto alcuna responsabilità nella cattura dei gesuiti Yorio e Jalics, come già confermato dalle testimonianze dei protagonisti. I due esperti ritengono questa ricostruzione parziale e non scagionano del tutto la diocesi argentina sui tragici fatti. Gettando un'ombra sull'operato dei vescovi a quel tempo e quindi anche su Bergoglio.

Leggi anche: Argentina, il ruolo dei vescovi sui "desaparecidos". Ombre su Papa Francesco

Leggi anche: Ucraina, Mosca accoglie Zuppi: "Apprezziamo molto lo sforzo del Papa"

I documenti contenuti negli archivi della Santa Sede - prosegue Avvenire - vengono declassificati pontificato per pontificato. Papa Francesco ha deciso di fare un’eccezione, mettendo a disposizione le carte della prima e della seconda sezione della Segreteria di Stato e della nunziatura di Buenos Aires tra il 1976 e il 1983, gli anni della dittatura argentina. Gli oltre venti ricercatori riuniti dalla Facoltà di Teologia dell’Università Cattolica argentina e dal suo decano, Carlos Galli, hanno potuto analizzare il complesso rapporto tra Chiesa e regime militare nella sua integralità. Da questo emerge la convinzione che i vescovi argentini siano stati ambigui, deboli e "poco profetici". In sostanza erano a conoscenza dei metodi inumani usati dai militari che facevano letteralmente sparire nel nulla gli oppositori, ma non fecero niente in concreto per fermarli.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
argentinabergoglio desaparecidospapa francesco





in evidenza
"L'importanza di chiamarsi Giorgia": in libreria i fumetti dedicati all'ascesa di Meloni

Nuova uscita PaperFirst

"L'importanza di chiamarsi Giorgia": in libreria i fumetti dedicati all'ascesa di Meloni


in vetrina
Nuovo concept per i cocktail di lusso: nel cuore di Milano Giardino Cordusio

Nuovo concept per i cocktail di lusso: nel cuore di Milano Giardino Cordusio


motori
Maserati TRIDENTE: lusso e innovazione full-electric sull’acqua

Maserati TRIDENTE: lusso e innovazione full-electric sull’acqua

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.