A- A+
Esteri
Ecco chi sono i più sfaticati in ufficio. I dati

Sfaticati — È nota l’estrema passione con cui gli americani raccolgono dati statistici. Il vizio però presenta dei pericoli, forse soprattutto quello di trovarsi con le prove di ciò che, a pensarci bene, sarebbe meglio non sapere.

Qualcosa del genere è successo a tre studiosi—Daniel Hamermesh, Michael Burda e Katie Genadek—associati all’IZA-Institute of Labor Economics di Bonn. L’Istituto, stimato, è sostenuto dalla Fondazione Deutsche Post. I tre hanno deciso di studiare l’interessante fenomeno del “non-lavoro”, cioè l’incidenza della “non-prestazione” offerta dai lavoratori dipendenti che “scansano” in ufficio, in fabbrica o altrove. Per esaminare la questione, i ricercatori disponevano dell’amplissima e autorevole banca dati dell’American Time Use Survey 2003-12 (ATUS), prodotta dall'United States Census Bureau.

Hanno trovato quello che non dovevano. In sintesi, i dati esaminati dimostrerebbero l’esistenza di “significative” e sistematiche differenze tra i principali gruppi etnici/razziali americani in termini del “non-lavoro sul posto di lavoro”. Purtroppo, i dati sono conformi con ragionevole precisione agli stereotipi razziali privatamente comuni tra gli americani—e molte altre nazionalità. Dei cinque gruppi etnici/razziali presi in considerazione, l’attaccamento al “dovere lavorativo” è maggiore tra i classici maschi americani bianchi (tempo sottratto al lavoro “produttivo”, 0,0645%), seguito poi da quelli di origine asiatica (0,0679%), i neri (0,0793%), gli ispanici ”non neri” (0,0848%) e poi “other” (0,0701%).

La distribuzione è pressoché identica anche tra le donne appartenenti agli stessi gruppi. Non sono stati trovati scostamenti significativi tra i sindacalizzati/non-sindacalizzati, dipendenti pubblici/privati, gruppi d’età, tipo e settore d’impiego né dislocazione geografica. Le differenze—non grandissime ma nemmeno minuscole—parrebbero dipendere chiaramente dalla collocazione etnica/razziale.

I tre studiosi sono rispettabili. Oltre all’IZA sono associati alla Royal Holloway University of London, alla Humboldt University di Berlino e all’University of Colorado americana. Sono visibilmente a disagio con ciò che hanno trovato guardando gli stramaledetti numeri. Passano lunghe pagine a esaminare—e poi scartare, dispiaciuti—altre spiegazioni sottili che potrebbero inficiare i dati. Tengono conto delle differenze di status matrimoniale, numero di figli in casa, scolarizzazione e molto altro ancora.

Il campione originale contava oltre 135mila rispondenti. Per eliminare le distorsioni derivanti dal lavoro nel weekend, chi ha faticato di sabato o di domenica è stato escluso, come anche gli autonomi. Sono rimaste comunque 35.548 persone, un campione non disprezzabile. Sono stati poi “sterilizzati” i dati relativi alle pause pranzo, per le “procedure di sicurezza” e così via. Il risultato chiave è semplice: i maschi delle minoranze lavorano di meno a parità di orario “formale”. Nell’aggregato, i ricercatori calcolano che le minoranze etniche “non-lavorano” l’1,1% in più al giorno dell’americano bianco—il che, spalmato su un anno lavorativo di 250 giorni, equivale a 22 ore di “non-work at work”.

L’esito—indipendentemente dalle sottigliezze statistiche—è infelice in quanto tende a rafforzare i “peggiori istinti” popolari. Maledetti numeri. Magari la matematica fosse solo un’opinione.

Tags:
sfaticati
in evidenza
Carolina, la musa del calcio Regina della serie B in tv

Stramare, nuova Diletta

Carolina, la musa del calcio
Regina della serie B in tv

i più visti
in vetrina
Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima

Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima


casa, immobiliare
motori
Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar

Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.