A- A+
Esteri
Usa, enigma Turchia per Biden. Cattivo matrimonio dove i partner tradiscono

In risposta alla forte pressione bipartisan del Congresso, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha imposto sanzioni alla Turchia all'inizio di questo mese per punirla per aver acquistato un sofisticato sistema missilistico antiaereo dalla Russia nel 2019. Le sanzioni mirate includono il divieto di licenze di esportazione per le principali forze armate turche agenzia di approvvigionamento, nonché blocchi di beni e restrizioni sui visti per gli alti funzionari dell'organizzazione.

Non sorprende che la Turchia, uno dei principali alleati della NATO, abbia definito la mossa un "grave errore" e abbia minacciato di vendicarsi. Ma questo appare più che altro come uno dei tanti proclami del sultano di Istanbul Erdogan, che proprio grazie alla politica di disimpegno statunitense nel medio oriente, ha potuto allargare la sua influenza geopolitica.  

L’ultima querelle è legata all'acquisto da parte della Turchia del sistema di difesa missilistica russo S-400,  per circa 2,5 miliardi di dollari. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha deciso per la prima volta di acquistare l'S-400 nel 2017, dopo aver affermato che Washington si è rifiutata di vendere i propri missili Patriot a condizioni accettabili per i turchi, in particolare la richiesta di Ankara di accordi di trasferimento tecnologico e di coproduzione. Gli Stati Uniti e la NATO si sono affrettati a sottolineare che il sistema S-400 non solo era incompatibile con l'infrastruttura di difesa della NATO, ma che avrebbe compromesso gli avanzati caccia americani F-35 che la Turchia intendeva acquistare per aggiornare la sua vecchia flotta  di F-16. 

Tutti questi fatti dicono che probabilmente una delle prime spine nel fianco del nuovo presidente americano, in politica estera, potrebbe essere proprio quella di Erdogan, che Obama considerava un alleato affidabile, da utilizzare come una sorte di testa du ponte con il mondo mussulmano estremista. Il comportamento di Erdogan ai limiti dell’arroganza e in sicura attinenza con il mondo estremista islamico ( la Turchia ha utilizzato mercenari islamici, vicini alle posizioni dello stato islamico, sia in Siria che in Nagorno Karabah) in questi anni ha dimostrato quanto la valutazione di Obama fosse stata assolutamente sbagliata.

D’altra parte Erdogan vede sempre più l'Occidente, e gli Stati Uniti in particolare, come partner inaffidabili. Sin dal fallito tentativo di colpo di stato del luglio 2016, a cui hanno partecipato elementi dell'aviazione turca, ha spesso insinuato che Washington avesse istigato il colpo di stato, un'affermazione che è stata ripetuta dalla stampa turca controllata dallo stato. Da qui, la percepita necessità di un sistema non NATO per difendere il suo regime dai nemici interni. La crisi dell'S-400 mostra che Ankara sta diventando un membro sempre più recalcitrante della NATO, intento a perseguire una politica estera in contrasto con il resto dell'alleanza. Figurarsi assumere, come qualcuno tempo fa chiedeva, farlo entrare come stato membro dell’Unione europea.

Ma Erdogan sa anche di avere dalla sua il fatto che la sua posizione e il suo esercito sono assolutamente strategici per gli Usa e la Nato. Questa consapevolezza  ha consentito a Erdogan di agire impunemente: minacciando alleati come la Grecia sulle controversie territoriali nel Mar Egeo, armando i rifugiati siriani consentendo loro di fluire in Europa, minando gli alleati curdi dell'America nel nord della Siria che stanno combattendo lo Stato Islamico e minacciare l’Europa intera brandendo l’arma dei migliaia di rifugiati siriani trattenuti ai suoi confini, dietro lauti compensi dalla Ue, terrorizzata dal possibile arrivo di nuovi profughi sul suo territorio.

Il presidente Donald Trump, con la sua politica estera personalistica e isolazionista ha avuto un atteggiamento spesso ondivago con Erdogan. Alcuni sostengono che Trump possa aver ingannato Erdogan facendogli pensare che avrebbe protetto Ankara dalle sanzioni durante la debacle dell'F-35. Le sanzioni di questo mese sono state imposte ai sensi del Countering America’s Adversaries Through Sanctions Act, una legge del 2017 che impone sanzioni contro qualsiasi entità impegnata in "transazioni significative" con le agenzie militari o di intelligence della Russia. 

La vera punizione contro la Turchia era già stata inflitta con il diniego dell'F-35, quindi queste nuove sanzioni sono essenzialmente misure lievi e simboliche, progettate per arruffare il minor numero possibile di piume ad Ankara mentre si invia un messaggio ad altri alleati e partner che contemplano acquisti simili da Mosca. Ora la palla passa nel campo della Turchia che dovrà sbrogliare la matassa che Pompeo ha lasciato in eredità al suo successore il 58enne Antony Blinken, scelto da Biden, per cercare di mettere ordine nella politica estera americana,  Secondo Sinan Ciddi, professore associato di studi sulla sicurezza nazionale presso il Command and Staff College, Marine Corps University, a Quantico, Virginia e grande esperto di relazioni internazionali mediorientali, ci sarebbero tre principali ostacoli al ripristino dei legami della Turchia con l'Occidente.. “In primo luogo, gli Stati Uniti rimangono ai ferri corti con la Turchia per la decisione di Erdogan di acquistare un avanzato sistema di difesa missilistica dalla Russia.  In secondo luogo, l'Unione europea sta valutando severe sanzioni contro Ankara per le sue attività di perforazione nel Mediterraneo orientale, in acque rivendicate anche da Grecia e Cipro. E in terzo luogo, anche indipendentemente da quelle pressioni esterne, il governo di Erdogan continuerà probabilmente a minare gli Stati Uniti e l'UE come parte della sua campagna interna per mantenere gli elettori turchi dalla sua parte galvanizzando i sentimenti nazionalisti.”

Un anno fa, l'allora candidato alla presidenza Joe Biden si è seduto con il comitato editoriale del New York Times e ha detto "Sono molto preoccupato per [la Turchia]", secondo un video che ha causato polemiche in Turchia durante l'estate di pochi mesi fa. Biden ha detto che gli Stati Uniti dovrebbero adottare un approccio diverso dall'amministrazione Trump e impegnarsi con un'ampia sezione trasversale della società turca, promuovere l'opposizione e "parlare di ciò che pensiamo sia sbagliato".

Biden sembrava pensare che fosse possibile riportare la Turchia nella comunità transatlantica e persino migliorare il suo preoccupante record di diritti umani. Ma appare evidente che senza significativi cambiamenti politici e comportamentali da parte di Erdogan, è probabile che la Turchia subisca ulteriori misure punitive da parte degli Stati Uniti e dell'UE. Questi fatti contraddittori dimostrano la profonda disfunzione illogica e profonda delle relazioni USA-Turchia.

Nonostante una storia pluridecennale e la chiara utilità dell'alleanza per entrambe le parti in un periodo di crescente conflitto geopolitico, entrambe le parti sembrano intenzionate a sabotarla. A volte, la relazione appare come un cattivo matrimonio in cui entrambi i partner tradiscono, mentono e usano la loro intimità per ferirsi a vicenda. Quindi, gli Stati Uniti danno rifugio alla figura interna più ricercata della Turchia, Fethullah Gulen, e forniscono armi alle filiali della minaccia della milizia più temuta dello stato turco, il PKK.

Nel frattempo, la Turchia acquista sistemi antiaerei dal nemico geopolitico americano, la Russia, gioca con le forze islamiste in Siria e Libia, mentre opprime e imprigiona giornalisti, attori della società civile e persino dipendenti del consolato statunitense. In parte a causa di questa storia di dura retorica, secondo un recente sondaggio il 48% dei turchi ora identifica gli Stati Uniti come la più grande minaccia per il proprio paese. Una visione simile prevale nei confronti dell'UE, che minaccia di colpire la Turchia con sanzioni a causa dei suoi movimenti aggressivi nelle acque contese del Mar Mediterraneo. Per tutto il 2020, il governo di Erdogan si è espanso e ha agito in base alle sue ampie rivendicazioni sui diritti di perforazione per i giacimenti di petrolio e gas nei fondali marini del Mediterraneo orientale. La Turchia è particolarmente ostile nei confronti della Grecia e di Cipro, accusando la prima di aver tentato di trasformare il Mar Egeo in un "lago greco", a causa della molteplicità di isole greche che Atene sostiene abbiano ciascuna la propria zona economica esclusiva che si estende per 200 miglia nautiche verso l'esterno. Erdogan ha respinto con forza le affermazioni della Grecia schierando navi da esplorazione in acque profonde nelle acque contese, scortate da elementi della marina turca.  Altri paesi europei, in particolare la Francia, hanno risposto inviando le proprie navi militari per aiutare la Grecia e Cipro, sollevando le tensioni e provocando persino timori di un alterco militare in mare. “Mentre Erdogan sa che la situazione di stallo sta danneggiando le sue relazioni sia con l'UE che con gli Stati Uniti, preferisce mantenere l'opinione pubblica turca concentrata contro l'Occidente.

Anche se questa sembra essere una strategia miope, è di vitale interesse per Erdogan, che ha bisogno di sostenere il suo sostegno a casa se spera di mantenere la sua presa sul potere” ha affermato il professore Ciddi.  Il governo turco resta profondamente preoccupato per la prospettiva di un'amministrazione Biden che si sia impegnata a ripristinare la posizione dell'America sulla scena mondiale lavorando a stretto contatto con i suoi alleati europei. Affinché la Turchia possa essere inclusa sotto questo ombrello, Erdogan richiederà significativi cambiamenti politici e comportamentali, per quanto improbabile possa essere tale prospettiva.

"Il messaggio di Biden sarà alla Turchia, comportatevi come un alleato", ha detto il professore di relazioni internazionali Soli Ozel della Kadir Has University di Istanbul, al giornale americano VOA.  Il professore  crede che la vittoria di Biden possa essere un momento di svolta nelle relazioni bilaterali. "Una presidenza Biden ti dà l'opportunità di cambiare effettivamente binario, non necessariamente rinunciando ai tuoi interessi ma cambiando il tuo stile. Ma se la Turchia insiste a sfidare tutti, non penso che possiamo andare da nessuna parte, e la chiave di tutto ciò è il S-400 ", ha detto Ozel.

Senza  tali cambiamenti, è probabile che Ankara incontri ulteriori misure punitive sotto forma di sanzioni, con conseguente ulteriore isolamento economico, diplomatico e militare.

 

 

 

 

 

Commenti
    Tags:
    usabidenpresidente usaerdoganturchiarapporti turchia usaerdogan e biden
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Dove passerai la Pasqua? La prima parola che leggi...

    Covid vissuto con ironia. Gallery

    Dove passerai la Pasqua?
    La prima parola che leggi...

    i più visti
    in vetrina
    Isola dei Famosi 2021, Gascoigne si porta 3 oggetti e fa una bella promessa

    Isola dei Famosi 2021, Gascoigne si porta 3 oggetti e fa una bella promessa


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Toyota Rav 4 ora è anche plug-in hybrid

    Toyota Rav 4 ora è anche plug-in hybrid


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.