A- A+
Esteri
Etiopia, Addis Abeba non è assediata dai ribelli: "La stampa mondiale mente"
Etiopia, il premier Abiy Ahmed

Fonti interne al paese, contattate per avere un quadro realistico sull’attuale situazione in Etiopia  confermano lo stato di crisi dovuto alla guerra iniziata un anno fa nel nord del Paese ma smentiscono che il Tdf, (Tigray Defense Forces), le milizie tigrine, stiano assediando la capitale.

In questi giorni però la stampa internazionale, guidata dalla Cnn, racconta una storia che, tradotta in italiano, nei titoli diventa, “guerra alle porte della capitale”. Il Tplf, ( Tigray People's Liberation Front) secondo loro, starebbe per entrare ad Addis Abeba. Quanto al premier, legittimato dalle elezioni dello scorso ottobre, definito, “Nobel guerriero”, prometterebbe  di “seppellire il Tplf nel sangue”.

“Sì”, spiega una fonte Amhara che chiede l’anonimato, “quando il Tplf dice che si vendicherà del popolo Amhara, nessun giornale lo scrive. Poi fanno massacri e tutti tacciono. In realtà non ho sentito il premier pronunciare tali parole riferendosi al Tplf, è la solita disinformazione, una costante della strategia tigrina. La stampa internazionale, com’è ormai noto, prende le notizie sulla situazione in Etiopia dal Tplf e dal suo portavoce”.

Malgrado le milizie Tdf non assedino la capitale il Parlamento etiopico ha votato uno stato d’emergenza di sei mesi per il Paese. Il premier Abiy ha chiesto alla popolazione di unirsi nella lotta contro chi vorrebbe dividerli per destabilizzare il Paese e, con esso, l’intera area del Corno d’Africa.

L’esperienza di Dessie dove la popolazione civile di origine tigrina si è unita ai ribelli, fornendo armi e logistica, ha spinto il governo etiope a fare una verifica nella capitale, controllando i luoghi abitati e frequentati da filo Tplf. In seguito a queste verifiche, fonti governative confermerebbero la scoperta di ingenti quantitativi di armi ed esplosivi custoditi in abitazioni civili. Il governo ha, perciò, chiesto ai cittadini di Addis Abeba di denunciare il possesso di armi e di collaborare fornendo informazioni utili per trovare possibili covi nascosti nella capitale. Malgrado al momento la situazione ad Addi Abeba sia tranquilla, l’allarmismo e il lancio di notizie false avrebbero l’obiettivo di destabilizzare il governo.

Le ambasciate americane e inglese consigliano ai cittadini, nonché al proprio staff, di rientrare in patria perché Addis Abeba non sarebbe più sicura, alimentando una psicosi che sembra seguire un preciso disegno. Dice un uomo d’affari di origine greca presente in questi giorni ad Addis Abeba, “quello che stanno facendo è un atto criminale. Le famiglie degli espatriati stanno ritirando i figli dalle scuole per farli rientrare, anche se niente giustifica questo allarmismo. Gli americani e gli inglesi per sostenere i ribelli sono disposti a far saltare l’Etiopia…stanno operando un regime change”. 

Ciò che sta mettendo a rischio l’Etiopia è il ruolo di potenze esterne al paese, il cui interesse sembrerebbe essere quello di destabilizzare il governo. Dopo ventisette anni di potere il partito del Tplf e i suoi alleati vogliono riprendere il controllo interrotto dall’arrivo di Abiy. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
addis abebaetiopia





in evidenza
Affari in rete/ Chiara Ferragni-Fedez, social impazziti: i meme più divertenti sulla presunta rottura

Guarda le foto

Affari in rete/ Chiara Ferragni-Fedez, social impazziti: i meme più divertenti sulla presunta rottura


in vetrina
Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


motori
BMW Italia e AC Milan lanciano la Campagna '+ Diversity is More'

BMW Italia e AC Milan lanciano la Campagna '+ Diversity is More'

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.