A- A+
Esteri
Così è nata l'eurotassa. Iva, Irpef: ecco come funziona


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


La proposta di Wolfgang Schaeuble di introdurre l'eurotassa non è affatto estemporanea. Anzi, cela un progetto ben preciso nato nella drammatica notte in cui l'Unione europea ha faticosamente trovato l'accordo per salvare la Grecia. Il governo italiano - come ha spiegato ad Affaritaliani.it il viceministro dell'Economia Enrico Morando - è favorevole a una integrazione fiscale e ad un prelievo comunitario. Secondo quanto risulta ad Affaritaliani.it, il progetto al quale sta lavorando in via informale la Commissione europea, su input di Berlino, serve per rispondere al crescente euroscetticismo che attraversa molti paesi - dalla Francia all'Italia passando per l'Ungheria e l'Olanda (e molti altri) - ed è anche pensato come strumento per rafforzare la moneta unica ed evitare crisi come quelle che hanno portato Atene ad un passo dal ritorno alla dracma. La Germania di Angela Merkel, in sintonia con il suo ministro delle Finanze, nelle ore cruciali del vertice con Tsipras ha avanzato l'ipotesi di accelerare la costruzione di un'unione che vada al di là della moneta unica e della Bce. Oltre all'integrazione bancaria, serve anche quella fiscale e l'obiettivo - da realizzare entro i prossimi due anni (scadenza dicembre 2017) - è quello di arrivare alla nascita di un ministro delle Finanze di Bruxelles che riscuota un'imposta europea almeno in tutti gli stati che aderiscono all'euro. Più difficile che la tassa Ue possa valere anche per le nazioni fuori dall'Eurozona, come il Regno Unito, la Svezia o la Danimarca. Le ipotesi allo studio sono due: o un prelievo diretto sull'Iva che andrebbe nelle casse europee oppure un'addizionale Irpef che colpirebbe sia le persone fisiche sia le aziende. Le aliquote dovrebbero essere il più possibile uguali da Palermo a Dresda, anche se il dibattito è aperto e in molti preferirebbero un adeguamento alle condizioni dei singoli stati. I fondi in mano al super-ministro delle finanze Ue servirebbero per interventi sovranazionali come infrastrutture ma anche per misure straordinarie in caso di crisi simili a quella che ha colpito la Grecia. Renzi è cauto perché teme le proteste dei partiti anti-euro, da Salvini a Grillo, che potrebbero cavalcare l'eurotassa. Il premier, prima di dare il suo ufficiale ok al progetto targato Schaeuble, vuole essere certo della strategia di integrazione Ue, altrimenti il rischio è che l'eurotassa diventi un boomerang e l'ennesimo 'boost' per Lega e M5S.

Tags:
renzigermaniamerkeleurotassa
in evidenza
"Miss Wimbledon" Rybakina vs la tigre Aryna Sabalenka: è un Australian trhilling!

Camila Giorgi, minigonna vertiginosa... Che foto!

"Miss Wimbledon" Rybakina vs la tigre Aryna Sabalenka: è un Australian trhilling!


in vetrina
Eni: presentati i risultati del Navigatore ESG di Open-es

Eni: presentati i risultati del Navigatore ESG di Open-es


motori
Nissan, inaugurato il nuovo magazzino ricambi in Italia

Nissan, inaugurato il nuovo magazzino ricambi in Italia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.