A- A+
Esteri
Festa della donna e 8 marzo, nelle zone di guerra non c'è niente da celebrare
Donne africane vittime di violenza

Otto marzo festa delle donne, ma certo non nelle zone di guerra. Non lo è in Ucraina, ma neppure in Etiopia, nelle aree dove le donne in questi ultimi 15 mesi non hanno avuto niente da festeggiare. I rapporti delle agenzie internazionali cominciando da quello dello scorso agosto di Amnesty International parlano chiaro. Oltre agli altri crimini, contro le donne è stata usato lo “stupro come arma di guerra”. Stupri avvenuti prima nel Tigray, regione dove ha avuto origine il conflitto, poi nelle confinanti Amhara e Afar, dove la violenza è toccata a donne e ragazze appartenenti a etnie considerate inferiori dai combattenti Tigrini in guerra contro il governo federale. 

Lo stupro è una violenza nella violenza. Una violenza che chi subisce fatica a raccontare, colpita due volte, dalla ferocia dell’assalto e dallo stigma sociale. Lo scorso marzo, durante una riunione riservata, alcuni rappresentanti delle agenzie delle Nazioni Unite presenti ad Addis Abeba, già discutevano del problema perché erano arrivate le prime denunce di aggressioni sessuali nelle zone del conflitto. Il problema centrale, fin da subito, è stata la mancanza di dati certi. Bisognava verificare le testimonianze e per farlo è stato necessario il lavoro investigativo delle agenzie per i diritti umani, quella etiopica e quella delle Nazioni Unite.

Il 3 ottobre esce il rapporto della commissione EHRC, Ethiopian Human Rights Commission e OHCHR, Office of the High Commissioner for Human Rights. Centocinquanta pagine fitte di testimonianze sulla guerra e sugli stupri. Parole drammatiche che riportano numerose testimonianze di quanto le donne hanno subito, con quali strascichi, malattie, gravidanze indesiderate e forte disagio psichico. Dopo lo stupro nessuna di loro ha ricevuto l’assistenza necessaria entro le 72 ore, perché la guerra aveva portato via tutto, medici, farmaci, ospedali, ambulatori. Nel rapporto si legge di stupri di gruppo accompagnati da atti di violenza e umiliazione contro donne la cui unica colpa è il luogo dove vivono. Quella in atto infatti è una guerra, con un sottofondo di odio etnico, che si riversa con violenza sulle donne.  

Commenti
    Tags:
    8 marzofesta della donnaguerra russia ucrainaterza guerra mondiale





    in evidenza
    Vittime e carnefici, qualcosa sta cambiando: l'intervento del direttore Perrino su Ore 14

    MediaTech

    Vittime e carnefici, qualcosa sta cambiando: l'intervento del direttore Perrino su Ore 14

    
    in vetrina
    A Milano apre Avani Palazzo Moscova: un nuovo hotel "illumina" Porta Nuova

    A Milano apre Avani Palazzo Moscova: un nuovo hotel "illumina" Porta Nuova


    motori
    Opel Corsa Electric Yes in edizione speciale, l' elettrica in stile sportivo

    Opel Corsa Electric Yes in edizione speciale, l' elettrica in stile sportivo

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.