A- A+
Esteri
Gaza, niente tregua tra Israele e Hamas

Segni di tregua non ce ne sono tra Israele e Hamas. I razzi lanciati dagli estremisti islamici che amministrano la Striscia di Gaza hanno continuato a cadere nel Sud dello Stato Ebraico; i raid dell’aviazione israeliana hanno continuato a fare vittime nella Striscia.

L’avvertimento del Premier israeliano Benjamin Netanyahu ai palestinesi affinchè si allontanino da ogni luogo d’attività dei militanti di Hamas è una chimera in un fazzoletto di terra come Gaza. Ieri le vittime palestinesi sarebbero state almeno 13, raggiungendo un totale di 2.100 dall’8 luglio, inizio del conflitto.

Ieri in Israele si celebravano i funerali del bambino di 4 anni ucciso da un razzo di Hamas venerdì scorso. Intanto gli ordigni lanciati dai militanti palestinesi sarebbero stati ben 117 in una sola giornata. Domenica, che sarebbe dovuto essere il primo giorno di scuola per i bambini palestinesi. Apertura rinviata a data da destinare.

Tags:
gaza
in evidenza
Ary, la tigre della Bielorussia pronta a 'sbranare' Magda Linette

Australian Open bollente

Ary, la tigre della Bielorussia pronta a 'sbranare' Magda Linette


in vetrina
Barceló Hotel Group: rafforzato il management in Italia

Barceló Hotel Group: rafforzato il management in Italia


motori
Renault “elettrizza” il Salone Rétromobile 2023

Renault “elettrizza” il Salone Rétromobile 2023

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.