A- A+
Esteri
Germania: si è dimessa la ministra della difesa Christine Lambrecht

Christine Lambrecht, la ministra della difesa tedesca, ha presentato le dimissioni

Si è dimessa in Germania la ministra della Difesa Christine Lambrecht. "Intendo porre fine alle discussioni sulla mia persona", ha detto. Tra i nomi del possibile successore, il ministro del lavoro Hubertus Heil e anche la responsabile della commissione del Bundestag per le forze armate, Eva Hogl. 

Durante il suo mandato, Lambrecht si è trovata spesso al centro delle polemiche, ad esempio quando è stata accusata di aver usato un elicottero militare per recarsi in vacanza a Sylt con il figlio o quando si è parlato del mancato funzionamento dei carri armati Puma, di cui Lambrecht ha autorizzato l’acquisto in vista di una speciale esercitazione dell’esercito tedesco con la Nato. Non c'è una diretta responsabilità della ministra in relazione al mancato funzionamento dei Puma, ma la ministra Lambrecht è stata comunque accusata di aver gestito male la situazione.

Le sue dimissioni arrivano però dopo l'attacco subito per aver parlato della guerra in Ucraina tra le strade di Berlino, con uno sfondo di rumorosi petardi celebrativi per i festeggiamenti del nuovo anno. Scelta ritenuta da alcuni di pessimo gusto. 

Nel video postato su Instagram, Lambrecht è in una strada della capitale tedesca, la notte di Capodanno, mentre affida alla videocamera i ringraziamenti di rito e gli altrettanto consueti auguri ai soldati. Le sue parole, tuttavia, risultano difficilmente comprensibili, perché coperte dal rumore dei petardi. 

Proprio questo aspetto del video è stato bersagliato da polemiche. I petardi del capodanno berlinese sono stati ritenuti, dalle voci critiche, quasi come una parodia di pessimo gusto. Specie considerando il fatto che Lambrecht sottolinei espressamente la triste realtà del conflitto. Dice infatti: “C’è una guerra che infuria nel mezzo dell’Europa”, mentre alle sue spalle si festeggia con i fuochi d’artificio.

Naturalmente è stata soprattutto l’opposizione (CDU e CSU) a cavalcare le polemiche e in parte a fomentarle, sottolineando come la scelta della ministra sia stata fuori luogo. L’esperto di difesa della CSU, Florian Hahn, ha scritto: "Questo video parla da solo. Che imbarazzo, che cosa inappropriata".

Tra coloro che puntano il dito c’è anche Armin Laschet, l’ex leader della CDU in seguito sostituito da Friedrich Merz. L’ex candidato dell’Unione al cancellierato sostiene che il contegno di Lambrecht ha suscitato stupore anche all’estero e a questo proposito ha condiviso il tweet di  Ulrike FrankeSenior Policy Fellow dello European Council of Foreign Relations.

Su Twitter, Franke sottolinea il fatto che il video sia totalmente inappropriato e si chiede: "Hanno forse perso la testa, a Berlino?". Laschet rilancia: "Il cancelliere è davvero del tutto indifferente all’impatto della Germania, in Europa e nel mondo?".

Frase, quest'ultima, che Laschet poteva risparmiarsi: è ancora viva nella memoria collettiva, infatti, la sua allegra risata alle spalle del presidente federale Frank-Walter Steinmeier, mentre rilasciava alla stampa dichiarazioni relative all’inondazione del luglio 2021 nella Germania occidentale.

 

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
christine lambrechtdimissionigermaniaministro della difesa





in evidenza
Affari in rete

MediaTech

Affari in rete


in vetrina
Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


motori
Bentley debutta nel mondo dell'Home Office alla Milano Design Week 2024

Bentley debutta nel mondo dell'Home Office alla Milano Design Week 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.