A- A+
Esteri
Libia/ Migliaia di ragazzine stuprate. La stanza dell'orrore di Gheddafi


L'ex dittatore libico Gheddafi si è macchiato di un crimine impressionante: centinaia o addirittura migliaia di ragazzine nei suoi 42 anni di regno sono state picchiate, violentate e costrette a diventare schiave di sesso.

Molte erano vergini rapite a scuola, tenute prigioniere per anni in un covo segreto nascosto nell'Università di Tripoli o in uno dei suoi tanti palazzi sparsi nella capitale libica. Qui, dove violentava regolarmente anche 14enni, Gheddafi si è nascosto nei 26 mesi successivi alla sua fine. Il luogo viene mostrato per la prima volta nel documentario che andrà in onda nei prossimi giorni sulla rete britannica BBC 4.
 
Mentre per le strade si festeggiava per la morte di Gheddafi, il governo di transizione nascondeva il posto temendo che l'oscenità causasse ulteriore imbarazzo alla Libia e facesse inorridire la comunità internazionale. In una stanza - come si legge su www.dailymail.co.uk - c'è un letto e una lampada e tutto è rimasto così come il dittatore lo aveva lasciato. Impressionante è la stanza ginecologica, dove le giovani vittime venivano esaminate per accertasi che non fossero malate e dove abortivano se erano rimaste incinta.

Gheddafi faceva lezioni nelle università e nelle scuole e così identificava le ragazze più belle e che riteneva più affascinanti, poi dava un buffetto a quelle che aveva selezionato. Più tardi le sue guardie del corpo le avrebbero rapite. Se la famiglia si fosse opposta, l'avrebbe semplicemente sterminata.
 
Una ragazza, violentata dal despota quando aveva 15 anni e per sette anni, ha raccontato tutto. Fu scelta per portare dei fiori al colonnello quando si presentò nella sua scuola di Sirte. Lui le diede un buffetto che lei considerò un gesto paterno, ma il giorno dopo tre donne in uniformi militari si presentarono dai suoi genitori dicendo che lei era stata scelta per fare altri omaggi floreali. Invece fu portata nel covo, dove lui ordinò alle soldatesse di prepararla.
 
La ragazza fu spogliata, le fecero le analisi del sangue, le misero una minigonna e la truccarono, la portarono poi nella stanza dove Gheddafi la aspettava nudo e sdraiato sul letto. Quando lei provò a scappare, le soldatesse la bloccarono e la trattenerono sul letto. Fu tenuta lì e violentata per 7 anni, riuscì a fuggire quando una porta fu lasciata aperta per errore.

Il Raìs quando abusava delle ragazzine ero pieno di cocaina, alcol e viagra. Insieme ai dissidenti, le giovani spesso venivano uccise e messe nei freezer. Le ragazze che sopravvivevano erano cedute ai suoi figli e ad altri alti ufficiali, che potevano continuare ad abusarne. Qualcuna di loro si è poi suicidata.

Nel covo di Gheddafi, infine, venivano portati anche ragazzi. E anche loro subivano abusi.
 

Tags:
gheddafi
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Peugeot rinnova la gamma 508

Peugeot rinnova la gamma 508


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.