A- A+
Esteri
Russia, i comunisti mollano Putin: "Votato per la pace, non per la guerra"

Mosca, deputato comunista: "Condanno la leadership della Russia, che ha iniziato a usare i metodi dell'Occidente"


Il Partito Comunista Russo, seconda forza del Paese in ascesa alle ultime elezioni, inizia a schierarsi contro la guerra in Ucraina voluta dal presidente Vladimir Putin. Alcuni politici russi che hanno votato per riconoscere l'indipendenza di Donetsk e Luhansk ora si dicono rammaricati della loro decisione e hanno condannato l'invasione di Putin. Il dissenso alla guerra sta crescendo non solo nelle strade in Russia, con migliaia di arrestati durante le proteste, ma anche alla Duma dove il dissenso contro il leader è raro.

Tre membri del Partito Comunista, che in genere rimangono fedeli a Putin su questioni chiave soprattutto di politica internazionale, si sono espressi contro l'azione militare.

Oleg Smolen si è detto "scioccato" dall'invasione, dicendo: "Come intellettuale russo, sono convinto che la forza militare dovrebbe essere usata in politica solo come ultima risorsa. Non avrei potuto votare per il riconoscimento delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk se avessi saputo che queste sarebbero state le conseguenze".

Anche Mikhail Matveyev ha chiesto la fine della guerra, scrivendo in un tweet poi cancellato: "Ho votato per la pace, non per la guerra. Perché la Russia diventi uno scudo, in modo che il Donbas non venga bombardato e non che Kiev venga bombardata".

Markhaev ha affermato che i membri della Duma russa, la camera bassa dell'Assemblea federale, non sapevano che il voto avrebbe portato a un'invasione su vasta scala. E ha scritto: "È triste guardare ciò che sta accadendo in Ucraina e fa male all'anima immaginare dove possa andare il nostro mondo".

"Avevamo bisogno del riconoscimento dell'indipendenza delle Repubbliche di Donetsk e Luhansk per proteggerli dalla completa estinzione. Si pensava che da questo si potesse sviluppare la possibilità di proseguire i negoziati e trovare nuovi compromessi per sistemare tutti i problemi", ha spiegato il deputato comunista. "Con mio grande rammarico, l'intera campagna di riconoscimento di Donetsk e Luhansk avevano un'idea e un piano completamente diversi, che inizialmente erano nascosti. È molto doloroso perdere colleghi di lavoro, ragazzi normali e promettenti. È molto doloroso guardare negli occhi dei propri genitori, figli e persone care'.

Ha continuato: "Condanno la strategia ingiustificata dell'Occidente, le sue politiche di doppio standard, la promozione dei propri interessi attraverso un cambio di potere legale in paesi che non si adattano, si impossessano di nuovi territori sotto falsi slogan di protezione della democrazia", ma "condanno anche la leadership della Russia, che ha iniziato a usare gli stessi metodi del doppio standard. Sotto l'egida del riconoscimento di Donetsk e Luhansk ci sono piani nascosti per lanciare una guerra su vasta scala con il nostro vicino più prossimo'.

Una petizione online per fermare la guerra, lanciata poco dopo l'annuncio dell'invasione giovedì scorso, ha raccolto oltre 1 milione di firme e risulta la petizione online più supportata in Russia negli ultimi anni.

 

LEGGI ANCHE:
Borse giù, Mosca sempre chiusa. Il rublo recupera. La Francia: "Provocheremo il crollo dell'economia russa"
- Volatilità a farla da padrone sui mercati finanziari. Come investire? Azionario Usa, Treasury e bond cinesi: ecco il portafoglio a prova di guerra. Parla Michele Morra, portfolio manager di Moneyfarm
- Accordo Xi-Putin, tutto il gas alla Cina. Gazprom costruirà un nuovo gasdotto

Commenti
    Tags:
    comunisti russi contro putincrisi ucrainaputin comunisti russi





    in evidenza
    Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

    La classifica comscore

    Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

    
    in vetrina
    Sardegna, Elly e Todde si guardano negli occhi... L'intesa vincente prima delle elezioni

    Sardegna, Elly e Todde si guardano negli occhi... L'intesa vincente prima delle elezioni


    motori
    La Nuova Toyota GR Yaris: nata dal Rally, perfetta per la strada

    La Nuova Toyota GR Yaris: nata dal Rally, perfetta per la strada

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.