A- A+
Esteri

C'è un imprenditore italiano in carcere in Africa dimenticato dal governo. Si è occupato del caso Chi l'ha visto. Roberto Berardi, da gennaio è in un carcere della Guinea Equatoriale. Berardi aveva aperto una società con Teodorin Obiang, figlio del dittatore guineano, credendo che la sua presenza avrebbe garantito sicurezza all'azienda.

Al contrario, il socio ha sperperato le entrate mettendo Berardi in grave difficoltà: fra le voci delle surreali spese del viziato e prepotente figlio del tiranno c'è persino il famoso guanto di diamanti di Michael Jackson. Quando Berardi ha deciso di rientrare in Italia è stato arrestato prima della partenza e giudicato con un processo-farsa che ha scaricato tutte la colpa del crack finanziario su di lui.

Berardi ora langue in un carcere guineano, malato di malaria, dove è stato messo in isolamento per 22 giorni e picchiato, e dove non gli viene permesso di incontrare i diplomatici dell'ambasciata italiana.

Tags:
imprenditoreafricacarcere
in evidenza
Astrid, la sexy tifosa del Chelsea ora va in gol su Onlyfans

Foto da... ko tecnico!

Astrid, la sexy tifosa del Chelsea ora va in gol su Onlyfans


in vetrina
ASPI continua l'ammodernamento: attivo il Road Zipper System

ASPI continua l'ammodernamento: attivo il Road Zipper System


motori
FOCUS2R: due ruote sempre più protagoniste

FOCUS2R: due ruote sempre più protagoniste

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.