A- A+
Esteri
In Arabia Saudita gli atei sono considerati terroristi

In Arabia Saudita, la culla del wahabismo (l'interpretazione piu' intransigente dell'Islam sunnita) gli atei sono stati equiparati ai terroristi in una serie di decreti emessi da re Abdullah. Norme il cui spirito iniziale era punire i sauditi che andavano a combattere come jihadisti in Siria. E' quanto denuncia 'Human Rights Watch'. L'equiparazione, che prevede pene fino a 20 anni di reclusione, si giustifica con il 'fatto' che negare l'esistenza di Dio (Allah) rappresenti una forma di dissenso e protesta politica che puo' "danneggiare l'ordine pubblico", cosi' come un attentato terroristico di al Qaeda. L'art. 1 (scrive il britannico 'The Independent') della nuova norma si applica sia ai sauditi che ai cittadini stranieri residenti nel regno e condanna chiunque " 'professi' il pensiero ateo in qualsiasi forma o ponga in dubbio le fondamenta della religione islamica su cui questo Paese si basa".

Tags:
arabia saudita
in evidenza
La confessione di Francesca Neri "Sono una traditrice seriale"

Guarda la gallery

La confessione di Francesca Neri
"Sono una traditrice seriale"

i più visti
in vetrina
Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa

Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa


casa, immobiliare
motori
Nuova Opel Astra, inizia una nuova era

Nuova Opel Astra, inizia una nuova era


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.