A- A+
Esteri
Iraq: Mosul "liberata", vittoria sull'Isis

Il primo ministro iracheno, Haider al Abadi, ha proclamato la vittoria a Mosul "liberata", al termine di una battaglia di quasi nove mesi contro i jihadisti dello Stato Islamico. Lo ha riferito il suo ufficio in un comunicato. Abadi "è arrivato nella città liberata di Mosul e si è congratulato con gli eroici combattenti e con il popolo iracheno per questa grande vittoria", ha indicato il comunicato.

Mosul libera: quale futuro per l’Iraq? - L'analisi dell'ISPI

Dopo oltre otto mesi di scontri, le Forze di sicurezza irachene coadiuvate dalla coalizione internazionale a guida statunitense hanno riconquistato Mosul, ultima roccaforte dello Stato islamico in Iraq. Lanciata ufficialmente lo scorso ottobre dal premier iracheno Haider al–Abadi, l’offensiva si era preannunciata fin da subito lunga e difficile, sia per la complessità della strategia militare sia per l’eterogeneità delle forze coinvolte nel fronte anti–IS (Forze di sicurezza irachene, peshmerga curdi, milizie sciite, combattenti delle tribù arabo–sunnite locali e coalizione internazionale a guida statunitense). Si è infatti trattato della più grossa operazione militare in Iraq dopo l’invasione americana che nel 2003 destituì il regime di Saddam. Oggi, se da una parte la liberazione di Mosul assesta senza dubbio un colpo decisivo alle milizie di al–Baghdadi, dall’altra inaugura una fase di profonda incertezza sul futuro del paese. Come cambia l’Iraq e quali saranno gli attori determinanti della ricostruzione post–conflitto? Con la leadership del califfato ridotta ai minimi termini e senza una guida politica efficace, quale direzione prenderà l’insurgency sunnita? Quale sarà il destino politico di Mosul e delle altre aree liberate lungo il confine della regione semi–autonoma del Kurdistan, di cui Erbil e Baghdad si contendono il controllo? Quali scenari per le numerose milizie che agiscono sul territorio iracheno?

After Mosul. Re-inventing Iraq

After 8 months of heavy fighting, it seems that Mosul is next to be liberated. However, this would not mark the complete defeat of IS in Iraq, nor would it signal the end of the crises affecting the country.

What will be the fate of the city and the other liberated territories? Could a victory over a common enemy re-ignite competition among Iraq’s various ethno-sectarian communities? And could this prompt further demands for autonomy by the Kurds, who played a central role in fighting IS? What are the interests and agendas of the main regional and international players for the future of the country?
To put all these questions into perspective, ISPI has just published the Report “After Mosul: Re-inventing Iraq,” edited by Andrea Plebani. The volume sketches out possible answers through a multi-pronged approach, bringing to light the complexity of the Iraqi scenario and the influence exerted by a broad array of actors.

Andrea Plebani is Research Fellow at the Catholic University of the Sacred and ISPI Associate Research Fellow. He is a Member of the Commission convened by the Italian Government to assess the threat stemming from radicalization and jihadist extremism.

Tags:
iraq mosul libera
in evidenza
Terence Hill lascia Don Matteo Applauso d'addio della troupe

VIDEO

Terence Hill lascia Don Matteo
Applauso d'addio della troupe

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.