A- A+
Esteri
Israele, è morto Ariel Sharon: era in coma da otto anni

Il feretro con i resti mortali dell'ex premier israeliano Ariel Sharon, deceduto sabato a Tel Aviv a 85 anni dopo 8 anni di coma, sono esposti oggi in una camera ardente allestita nella Knesset, il Parlamento israeliano a Gerusalemme. I funerali si terranno invece lunedi'.

La polizia attende migliaia di persone a rendergli omaggio e ha allestito uno speciale dispositivo per garantire la sicurezza nella zona. Si prevede l'arrivo in citta' anche di migliaia di cittadini da vari punti del Paese, per cui e' stato allestito anche un servizio di trasporto dagli ingressi cittadini fino alla sede del Parlamento. Lunedi' la cerimonia ufficiale per l'addio all'ex-primo ministro comincera' alle 9:30 (Le 8:30 in Italia) con una cerimonia ufficiale nella stessa Knesset.

Alle esequie e' previsto l'arrivo di numerose personalita', tra cui il vice-presidente Usa, Joe Biden, l'inviato speciale del Quartetto per il Medio Oriente, Tony Blair, il ministro degli Esteri tedesco, Frank-Walter Steinmeier. Per suo espresso desiderio, Sharon sara' sepolto sempre domani nel suo ranch, la fattoria dei Sicomori, nel deserto del Negev, vicino alla tomba di sua moglie Lili; la sepoltura avverra' pero' in forma strettamente privata, con pochi partecipanti.

Le condizioni dell'ex premier 85enne, in coma dal 4 gennaio 2006, si erano aggravate di colpo per un blocco renale dovuto a "un'infezione cronica" per cui gli organi non riescono a filtrare correttamente le impurita' e le tossine trasportate dal sangue. "Negli ultimi giorni - aveva detto il direttore dell'ospedale Tel Hashomer Zeev Rotstein alla radio pubblica israeliana - abbiamo assistito a un graduale declino del funzionamento degli organi vitale di Sharon, essenziali per la sua sopravvivenza". S

haron, ex generale dell'esercito israeliano e a lungo leader del Likud, e' sempre stato un falco. Oltre alle sue colpe per il massacro dei campi profughi palestinesi di Sabra e Shatila in Libano (non fermo' le falangi cristiane) e l'aver innescato la seconda intifada con la provocatoria passeggiata sulla spianata delle moschee a Gerusalemme nel settembre del 2000, Sharon cambio' corso nel 2005. A sorpresa ordino' lo sgombro' con la forza tutti gli israeliani dalla Striscia di Gaza. Scelta autonoma, non concordata con l'Anp, che alla fine favori' la crescita di Hamas, che nel 2007 assunse il totale controllo dell'enclave costiera. Poco prima dell'ictus fondo' un nuovo partito di centro, Kadima, con esponenti meno intransigenti come l'allora ministro degli Esteri Tzipi Livni. Gli successe come premier il suo vice, il grigio e controverso Ehud Olmert.

Tags:
israeleariel sharoncoma
in evidenza
Giulia Pelagatti... a tutto sport Talisa Ravagnani, ex star di Amici

Striscia la Notizia, sexy veline

Giulia Pelagatti... a tutto sport
Talisa Ravagnani, ex star di Amici

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT

Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.