A- A+
Esteri
Governo, accordo militare con Giappone e Regno Unito per i jet da guerra 3.0

Perché è importante l'accordo sui jet militari tra Italia, Giappone e Regno Unito

L'Italia di Giorgia Meloni continua a mandare segnali di lealtà atlantista a Joe Biden. Dopo il via libera alle nuovi armi per l'Ucraina e le dichiarazioni a più riprese in linea con Washington su Taiwan e la Cina, ecco una nuova mossa. E ancora sul versante militare. L'Italia è infatti vicina all'annuncio di un accordo con Giappone e Regno Unito per finanziare un programma multimiliardario per la generazione di nuovi aerei militari di ultima generazione in grado di competere con la prossima generazione di aerei da guerra statunitensi e non solo.

L'accordo sul progetto, che si chiamerà Global Combat Air Program, è atteso per la prossima settimana, secondo quanto ha rivelato per prima Bloomberg. Il Regno Unito e l'Italia stanno sviluppando da alcuni anni l'aereo da guerra Tempest per competere con il cosiddetto Future Combat Air System di Francia e Germania. Londra e Roma stanno lavorando per far entrare il Giappone nel gruppo e la Svezia è un altro potenziale partner. Ma la cooperazione in ambito militare e con Londra potrebbe chiaramente avere ripercussioni nei rapporti con la Cina e con la Russia, visto che sia Regno Unito sia Giappone sono in rotta di collisione con entrambe.

L'adesione a un importante progetto di sviluppo della difesa con un partner diverso dagli Stati Uniti rappresenta una rottura con la tradizione per il Giappone, che sta rafforzando il proprio bilancio militare e aggiornando la propria strategia di sicurezza nazionale dopo essere stato spaventato dall'attacco della Russia all'Ucraina. L'aggiunta del Giappone all'alleanza italo-britannica che sta lavorando al caccia Tempest porterebbe una dimensione internazionale a quello che è stato un progetto tutto europeo, favorendo potenzialmente le vendite a livello mondiale e rafforzando i finanziamenti dopo che la Germania ha scelto di collaborare con la Francia per il velivolo rivale.

Due miliardi di sterine di investimento

I principali appaltatori sono Mitsubishi Heavy Industries per il Giappone, BAE Systems Plc per il Regno Unito e Leonardo SpA per l'Italia. La svedese Saab AB, che attualmente produce il caccia Gripen, è considerata un'ulteriore potenziale recluta. Secondo precedenti rapporti, il Regno Unito si è impegnato a investire più di 2 miliardi di sterline nei prossimi tre anni, mentre l'Italia si è impegnata a investire 2 miliardi di sterline in diversi anni.

Non è chiaro come il piano Tempest e il programma giapponese F-X possano integrarsi, anche se a luglio BAE ha dichiarato che si stavano esaminando diverse opzioni e che la cooperazione iniziale con Mitsubishi Heavy Industries, che sta guidando lo sviluppo dell'F-X, è stata molto positiva. Entrambi i caccia richiederanno molti anni di sviluppo, e l'entrata in servizio del Tempest è prevista intorno al 2035, mentre l'FCAS circa cinque anni dopo.

Ma l'Italia dà un altro segnale di allineamento multilaterale con i principali alleati degli Stati Uniti.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
armigiapponeitaliajetlondramilitare





in evidenza
Angelina Mango, raccolta di inediti: in uscita l'album "Pokè melodrama"

MediaTech

Angelina Mango, raccolta di inediti: in uscita l'album "Pokè melodrama"


in vetrina
Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


motori
Nuova Smart Concept #5 SUV premium elettrico debutta a Pechino 2024

Nuova Smart Concept #5 SUV premium elettrico debutta a Pechino 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.