A- A+
Esteri
Il premier vola in Iran con 55 aziende. Nasce l'asse Roma-Teheran

Il presidente del Consiglio italiano Matteo Renzi sia Teheran, insieme al viceministro dello Sviluppo economico, Ivan Scalfarotto, per una visita ufficiale nel paese a cui partecipa una delegazione di 120 fra imprenditori e rappresentanti delle principali societa' dell'economia italiana. Il premier italiano sara' il primo capo di governo occidentale a visitare il paese dopo la cancellazione delle sanzioni economiche da parte della comunita' internazionale, il cui iter e' iniziato lo scorso 16 gennaio con l'implementazione del Piano globale dei azione congiunto frutto dell'accordo sul nucleare iraniano. La visita di Renzi, la prima di un capo di governo italiano dal 2001, giunge a 75 giorni dal viaggio in Italia del presidente Hassan Rohani avvenuto dal 25 al 26 gennaio scorsi, conclusasi con un deciso rilancio delle relazioni diplomatiche ed economiche fra Roma e Teheran e con la firma di 14 fra accordi e memorandum d'intesa con istituzioni italiane e mondo dell'industria.

Durante la visita Renzi sara' accompagnato dalle 55 aziende che hanno gia' avviato accordi di impresa e commercio con realta' iraniane, nei settori energetico, manifatturiero, edilizio, bancario e dei trasporti. La novita' rispetto alle precedenti missioni condotte da delegazioni italiane e' la presenza di rappresentanti del mondo della moda italiana in Iran, nel tentativo di aumentare ulteriormente la cooperazione economica con Teheran. L'agenda del premier italiano prevede per questa mattina un incontro bilaterale con il presidente Rohani a cui seguira' una colazione di lavoro. Renzi incontrera' inoltre l'attuale capo del Consiglio per il discernimento ed ex presidente Ali Akbar Hashemi Rafsanjani a cui seguira' il colloquio con la guida suprema iraniana, l'ayatollah Ali Khamenei. Il 13 aprile il premier italiano prendera' parte al Forum Iran-Italia a cui parteciperanno i membri della delegazione italiana e i responsabili dei principali settori dell'economia iraniana.

Nei mesi scorsi, dopo la svolta maturata con l'accordo sul programma nucleare iraniano firmato a Vienna il 14 luglio 2015, vi sono state diverse missioni di ministri italiani a Teheran. La prima avvenuta in agosto e' stata guidata dal ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, e dall'allora ministro dello Sviluppo economico, Federica Guidi. A fine novembre si e' recato nella capitale iraniana l'ex viceministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, mentre nel febbraio 2016 si e' tenuto il viaggio della missione dei ministri dell'Agricoltura e delle Infrastrutture, Maurizio Martina e Graziano del Rio.

I media iraniani hanno dato ampio spazio al viaggio di Renzi, che consolida il nuovo corso delle relazioni fra Roma e Teheran avviato durante la visita di Rohani a Roma. Intervistato dall'agenzia di stampa iraniana "Irna", l'ambasciatore in Italia, Jahanbakhsh Mozaffari, ha definito "promettenti" le prospettive sui futuri rapporti tra i due paesi, che date le loro potenzialita' si stanno impegnando a rafforzare la propria cooperazione in vari settori. Una forte aspettativa e' stata manifestata dal presidente della Camera di commercio irano-italiana, Ahmad Puorfallah, che parlando ai media iraniani ha espresso la speranza che alcuni contatti con importanti aziende italiane, fra cui Fiat, avvenuti nel corso della visita di Rohani possano trasformarsi in futuri accordi una volta cancellate definitivamente le restrizioni che impediscono a Teheran di fare ricorso al mercato in dollari statunitensi. Puorfallah ha ricordato che nell'ultimo anno circa 750 fra imprenditori e rappresentanti dell'economia italiani hanno fatto visita in Iran per sondare le possibilita' di investimenti e che si sono concretizzati con la firma di memorandum e accordi preliminari con importanti societa' fra cui Saipem, Fincantieri, Ferrovie dello stato, Danieli, Itinera, Condotte, Gavio, Pessina Costruzioni e Sace.

"L'Italia - ha aggiunto Puorfallah - e' l'unico paese europeo e uno dei pochi paesi al mondo con cui l'Iran ha una bilancia commerciale positiva, nonostante diverse aziende italiane sia attive in molte delle infrastrutture industriali del paese, fra cui quelle petrolifere, nel settore dei prodotti petrolchimici, acciaio, pelle, elettrodomestici e tessuti". Il funzionario ha ricordato che l'Italia e' stato in passato il principale partner commerciale di Teheran in Europa, esprimendo la speranza di portare entro i prossimi due anni lo scambio commerciale a 7 miliardi di euro, facendo di Roma il primo partner europeo dell'Iran. Il presidente della Camera di commercio mista ha inoltre sottolineato la necessita' di sfruttare il know how italiano nel settore del turismo e nello sviluppo delle piccole e medie imprese, settore particolarmente vivace nel tessuto economico iraniano.

Dal 2006 l'Italia ha perso molte posizioni, pur rimanendo il nono Paese esportatore nei confronti dell'Iran. La firma degli accordi siglati in gennaio sigliati in occasione della visita del presidente Rohani per un valore complessivo di 17 miliardi di euro potrebbe consentire all'Italia di recuperare posizioni. Pur essendo seconda dopo la Germania fra i paesi europei con valore degli scambi commerciali pari a 1,2 miliardi di euro, l'Italia non puo' ancora competere con Cina, India, Russia e Brasile che hanno subito solo in parte i vincoli restrittivi legati alle sanzioni. Attualmente restano inoltre in vigore, sia negli Stati Uniti che nell'Unione Europea una serie di sanzioni non legate al programma nucleare, quali ad esempio quelle riguardanti le accuse di violazione dei diritti umani, di supporto al terrorismo internazionale e quelle approvate da Washington relative ai recenti test missilistici iraniani, che attualmente complicano gli investimenti dei privati in Iran. Il Piano globale d'azione congiunto mantiene un meccanismo di tutela che prevede la reintroduzione delle sanzioni nel caso in cui l'Iran violi gli accordi. La procedura non inciderebbe sui contratti siglati nel periodo di sospensione delle sanzioni.

Tags:
italia iran
in evidenza
La confessione di Francesca Neri "Sono una traditrice seriale"

Intervista alla moglie di Amendola

La confessione di Francesca Neri
"Sono una traditrice seriale"

i più visti
in vetrina
Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa

Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa


casa, immobiliare
motori
Nuova Opel Astra, inizia una nuova era

Nuova Opel Astra, inizia una nuova era


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.