A- A+
Esteri
Joe Biden aumenta le tasse a ricchi e multinazionali con sedi estere
Joe Biden  (fonte Lapresse )

E dopo i 2000 miliardi di dollari per i ristori il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, sta pensando ad un dettagliato piano fiscale per raccogliere oltre 2000 miliardi di dollari per finanziare il suo ambizioso piano infrastrutturale.

Obiettivo del piano è di raccogliere 2,5 trilioni di dollari nei prossimi 15 anni attraverso l’aumento dell'imposta sulle società, un'aliquota minima del 15% sui profitti al netto delle imposte e un forte incoraggiamento alle grandi società che pagano tasse all’estero a riportare in patria i loro profitti.

La nuova tassazione si compone di tre punti centrali.

Il primo è l'aumento dell'imposta sulle società, dall'attuale 21% - voluto da Donald Trump del 2017 - al 28%, sette punti percentuali al di sotto comunque del 35% in vigore fino alla presidenza del repubblicano.

Il secondo è l’adozione di misure decise contro società (molte multinazionali) tassate in altri paesi, paradisi fiscali, come Bahamas o l'Irlanda. E questo attraverso un aumento delle imposte sui guadagni esteri e un’aliquota minima del 15% sugli utili al netto delle imposte dichiarati.

In terzo luogo, stop ai sussidi alle aziende di combustibili fossili sostituiti da incentivi per la produzione di energia pulita.

Le società attualmente tassate all'estero non potranno più eludere il pagamento delle tasse americane sui pagamenti effettuati alle filiali estere. Questa misura, secondo il Dipartimento del Tesoro, dovrebbe garantire un ritorno di 2 trilioni di dollari di profitti esteri nel prossimo decennio.

Di fronte alla dura opposizione Biden ha detto “che non è accettabile che 91 delle 500 più grandi società del paese avessero pagato zero tasse nel 2019”. La promessa del democratico è di non aumentare le tasse ai redditi inferiori ai 400000 dollari annui.

Secondo l'ultimo sondaggio l'American Employment Plan - il nuovo piano infrastrutturale-è sostenuto dal 73% degli elettori, in maniera bipartisan. Ma al Congresso, l'opposizione al piano è feroce, e i Democratici hanno davanti lunghe battaglie. Janet Yellen,

Janet Yallen, Segretario al Tesoro degli Stati Uniti, è certa che il piano di aumento delle tasse “sia reciprocamente vantaggioso per il Paese e le aziende. La riforma fiscale non è un gioco a somma zero, con le aziende da una parte e il governo dall'altra. Esistono politiche reciprocamente vantaggiose, vantaggiose per tutti. E il nuovo piano va proprio in questa direzione”.

Ma la Congresso la guerra non è ancora iniziata.

Commenti
    Tags:
    bidenmultinazionalitassericchisocietàparadisi fiscali
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Oroscopo di oggi: previsioni astrali segno per segno

    Oroscopo

    Oroscopo di oggi: previsioni astrali segno per segno

    i più visti
    in vetrina
    Quelli che il calcio, Mia Ceran: annuncio a sorpresa in diretta tv

    Quelli che il calcio, Mia Ceran: annuncio a sorpresa in diretta tv


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Mercedes EQB, il suv elettrico in formato famiglia

    Nuova Mercedes EQB, il suv elettrico in formato famiglia


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.